Maltrattamenti Bimbi Dell 141220210135
NAPOLI 20 Dicembre Dic 2014 1808 20 dicembre 2014

Portici, bambini maltrattati all'asilo: maestre denunciate

Le insegnanti incastrate dai video. Bambini a testa in giù nei passeggini, lasciati sui pavimenti con i pannolini sporchi.

  • ...

I maltrattamenti ai bimbi dell'asilo di Portici.

Due insegnanti di un asilo privato a Portici, in provincia di Napoli, sono state denunciate per maltrattamenti aggravati ai danni di 11 bambini di età compresa tra i sei mesi e i due anni.
Secondo gli elementi raccolti anche attraverso riprese video, le maestre avrebbero percosso i piccoli affidati alle loro cure, tenendoli a volte in condizioni di carenza igienica.
CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO. La procura partenopea ha chiesto il rinvio a giudizio per le due maestre. Dai filmati sono emersi schiaffi, pizzichi, pasti serviti ai piccoli non nei piatti, ma direttamente sui banchi.
Una delle due maestre è stata sospesa dal servizio, l'altra è stata assunta in una scuola pubblica della Toscana.


A TESTA IN GIÙ NEL PASSEGGINO. I bimbi, in alcuni casi, sono stati stesi sui pavimenti dei bagni in attesa del cambio del pannolino, senza essere lavati. Uno dei bimbi, spiegano gli investigatori, era stato messo a testa in giù nel passeggino. Ma l'elenco dei maltrattamenti include anche giocattoli lanciati sul volto dei bambini, e il caso di un piccolo che è stato tenuto fermo incastrandolo tra un banchetto e una parete.
SEGNALAZIONE ANONIMA VIA MAIL. Le indagini della polizia locale di Portici sono partite dopo una segnalazione anonima, giunta via mail. La successiva installazione di microcamere in cinque locali dell'asilo ha permesso di acquisire i riscontri sulla base dei quali il pubblico ministero Giuseppe Cimmarotta della procura di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio delle due indagate. Una segnalazione sull'accaduto è stata inoltrata alla direzione scolastica regionale competente. L'asilo, che si trova nel quartiere Bellavista, all'inizio del 2014 ha cambiato gestione.

Correlati

Potresti esserti perso