Luogo Dell Omicidio 141221002613
ESTERI 21 Dicembre Dic 2014 1218 21 dicembre 2014

Poliziotti uccisi a New York, il profilo del killer

Chi era Ismaaiyl Brinsley, il 28enne che ha ucciso Rafael Ramos e Wenjian Liu.

  • ...

Il luogo dell'omicidio a New York.

È andato da Baltimora a New York, apposta per uccidere due poliziotti. Ismaaiyl Brinsley aveva annunciato anche sui social la sua intenzione di «mettere le ali a due maiali». Odiava i poliziotti. E voleva fargliela pagare dopo l'uccisione dei due 'fratelli' neri, Michael Brown e Eric Garner, che ha infiammato l'America per mesi. «Loro fanno fuori uno di noi e io ne faccio fuori due di loro», aveva scritto su Instagram. Ed è riuscito a portare a termine il suo piano di lucida follia.
PASSATO DI CRIMINALITÀ. Il giovane afroamericano, 28 anni, era già noto alle forze dell'ordine, e alle spalle aveva già diverse condanne e arresti, tra cui l'ultima a due anni per furto e possesso illegale di armi, avvenuta nel 2014 in Georgia.
Il suo ultimo indirizzo lo collega alla Georgia, ma aveva legami con Brooklyn dove viveva la sua ex che lo aveva reso padre di un bambino 11 mesi fa. La madre e la sorella di Brinsley hanno raccontato alla polizia che era violento e che avevano paura di lui.
LA GANG BLACK GUERRILLA. Gli investigatori sospettano che sia stato anche un membro di una nota gang, la Black Guerrilla, fondata negli anni '60 nel carcere di San Quentin, in California, da un membro delle 'Pantere nere', George Jackson. Un paio di settimane fa, la gang ha rivolto minacce contro la polizia di New York, dichiarando «la stagione aperta contro gli agenti».
Nei messaggi sui social media, Brinsley ha postato la foto di un'arma da fuoco color argento con la presa in legno e l'hashtag #shootthepolice #ripericgardner #ripmikebrown. «Questo potrebbe essere il mio ultimo post», ha scritto.
«VOLEVO ESSERE NOTO». E ancora, un'altra foto con l'immagine di un paio di pantaloni sporchi di sangue. L'account su Instagram è collegato al nome di un utente su Facebook, Bleau Barracuda, che secondo gli investigatori corrisponde a Brinsley. Nell'ultimo messaggio su Fb, poche ore prima della sparatoria, si legge: «Ho sempre voluto essere noto per aver fatto qualcosa di giusto... ma passato e presente mi perseguitano».
FAX ARRIVATO TARDI. L'ultimo arresto risale al luglio del 2011 per rapina: fu condannato al pagamento di una multa di 1.700 dollari e alla libertà vigilata. Il provvedimento fu revocato nel giugno dello scorso anno.
Le forze dell'ordine si stanno interrogando sul perché Brinsley sia stato scarcerato. E sul perché non sia stato tenuto sotto un controllo più stretto, visti i costanti messaggi di odio contro le «persone in uniforme», come definiva nei suoi messaggi le forze dell'ordine. Quando la polizia ha allertato i colleghi di New York era ormai troppo tardi: il fax è arrivato pochi minuti dopo l'omicidio dei due poliziotti.
FERITA LA FIDANZATA. Il 20 dicembre, Brisnley, prima di andare a New York, aveva sparato alla sua fidanzata, ferendola. Parito per New York, e compiuta la sua «vendetta», ha cercato di scappare rifugiandosi nella metropolitana. Dopo aver capito di essere braccato, ha deciso di spararsi.

Correlati

Potresti esserti perso