Sony Sede Tokyo 120510190327
MINACCIA 23 Dicembre Dic 2014 1654 23 dicembre 2014

Sony attacca Twitter: «Sospendere gli account hacker»

L'azienda giapponese pronta ad azioni legali nei confronti del social network per aver pubblicato i leak.

  • ...

La sede della Sony a Tokyo.

Nuova puntata dello scandalo Sonyleaks. L'azienda giapponese ha minacciato azioni legali contro Twitter, qualora il social network non dovesse sospendere gli account che diffondono informazioni riservate sottratte dagli hacker. «Qualcuno sta utilizzando l’account @bikinirobotarmy per pubblicare documenti e informazioni rubate», ha scritto l’avvocato della Sony, David Boies, in una lettera inviata all’ufficio legale dell’azienda di San Francisco.
PRONTE AZIONI LEGALI. Se la pubblicazione di materiale riservato dovesse proseguire, «Sony pictures entertaiment non avrebbe altra scelta che ritenere Twitter responsabile per ogni danno o perdita derivanti da tale diffusione», sia per quanto riguarda la proprietà intellettuale, sia i «segreti commerciali».
SOTTRATTI QUASI 2 TERABYTE. Gli hacker, secondo le autorità americane di provenienza nordcoreana, sono riusciti a introdursi nei computer della Sony e hanno sottratto un’enorme mole di dati (quasi 2 terabyte): email riservate, con giudizi senza filtri su star internazionali, informazioni confidenziali su pagamenti e transazioni finanziarie, film e sceneggiature, tra cui la prima stesura di Spectre, il nuovo James Bond.
SOSPESA L'USCITA DI THE INTERVIEW. Il colosso dell’entertainment ha bloccato l’uscita del film The Interview, una parodia sul leader nordcoreano Kim Jong-un, dopo la minaccia degli hacker di diffondere altro materiale piratato, oltre a quello pubblicato online alla fine di novembre. Una decisione aspramente criticata dal presidente americano, Barack Obama: «Non ci può essere un dittatore che impone la censura negli Stati Uniti».

Correlati

Potresti esserti perso