Polizia 141219165641
ALTA TENSIONE 24 Dicembre Dic 2014 1200 24 dicembre 2014

Usa, a Houston prosciolto agente per morte afroamericano

L'agente Castro sparò e uccise a gennaio un 26enne di colore, visibilmente disarmato.

  • ...

L'arresto di un giovane a New York.

Mentre nel Missouri non si ferma il caos per la morte del giovane Antonio Martin dalla contea di Harris è arrivata una sentenza che potrebbe suscitare nuove tensioni.
L'agente di polizia di Houston Juventino Castro non sarà incriminato per l'uccisione del 26enne di colore, disarmato, Jordan Baker.
DECISIONE DI GRAND GIURÌ. A stabilirlo un grand giurì, che ha deliberato in modo simile al giudice di Milwaukee.
L'episodio risale al 16 gennaio.
Castro era fuori servizio ma indossava l'uniforme della polizia quando stava svolgendo un lavoro extra come guardia di sicurezza in un centro commerciale dove recentemente c'erano stati vari furti.
Secondo la ricostruzione del dipartimento di polizia di Houston, Baker stava guardando le vetrine dei negozi quando l'agente gli si avvicinò ritenendolo sospetto.
FUOCO CONTRO RAGAZZO DISARMATO. Ne nacque una breve colluttazione, poi Baker corse via e subito dopo tornò verso l'agente tenendo le mani all'altezza della cintura.
A quel punto l'agente aprì il fuoco fatale. Successivamente si scoprì che il ragazzo non nascondeva alcuna arma.
PER GIURÌ NESSUNA PROVA DI CRIMINE. Il procuratore distrettuale della contea di Harris, Devon Anderson, ha dichiarato che il grand giurì non ha trovato prove del fatto che un crimine sia stato commesso da Castro, da dieci anni nelle forze dell'ordine e che prima del fatto tragico non aveva mai sparato un colpo con la sua pistola.
ANNUNCIATO RICORSO. L'avvocato della famiglia Baker, Sadiyah Evangelista, ha annunciato che presenterà un ricorso presso il Dipartimento di Giustizia che ha aperto dossier anche sui casi di Ferguson e New York.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso