Francesco Urbi Orbi 141225124058
CHIESA 28 Dicembre Dic 2014 1200 28 dicembre 2014

Il papa ai politici: «Siate più attenti alle famiglie»

Monito alle istituzioni: «Serve concreta solidarietà, persone provate da crisi».

  • ...

Papa Francesco alla finestra per il messaggio Urbi et Orbi.

Un appello alla politica italiana e una preghiera per le vittime della crisi economica.
Papa Francesco nella giornata del 28 dicembre ha prima incontrato alcune famiglie, poi da piazza San Pietro ha parlato nell'Angelus domenicale davanti a oltre 60 mila persone, con parole importanti e intense.
«SERVE SOSTEGNO PER FAMIGLIE». Il pontefice ha spiegato di auspicare «anche pensando alla bassa natalità che si registra in Italia, una maggiore attenzione della politica e degli amministratori pubblici, ad ogni livello, al fine di dare il sostegno previsto alle famiglie».
«Lo Stato ha tutto l'interesse a investire sulla famiglia, giustamente voi ricordate che la Costituzione italiana, all'articolo 31, chiede un particolare riguardo per le famiglie numerose; ma questo non trova adeguato riscontro nei fatti», ha detto il papa.
PREGHIERE PER FAMIGLIE IN CRISI. Nell'udienza alle famiglie Bergoglio ha citato le «le famiglie più provate dalla crisi economica, quelle dove il papà o la mamma hanno perso il lavoro, dove i giovani non riescono a trovarlo; le famiglie provate negli affetti più cari e quelle tentate di arrendersi alla solitudine e alla divisione».
SERVE «CONCRETA SOLIDARIETÀ». «La nostra concreta solidarietà non venga meno specialmente nei confronti delle famiglie che stanno vivendo situazioni più difficili per le malattie, la mancanza di lavoro, la necessità di emigrare o problemi di disunione», ha detto il pontefice a San Pietro.
PENSIERO PER AEREO E TRAGHETTO. Poi il papa ha rivolto un pensiero «ai passeggeri dell'aereo malese scomparso mentre era in viaggio tra Indonesia e Singapore, come pure ai passeggeri delle navi in transito nelle ultime ore nelle acque del mare Adriatico coinvolte in alcuni incidenti».

Correlati

Potresti esserti perso