CRISI 29 Dicembre Dic 2014 0843 29 dicembre 2014

Traghetto in fiamme, la diretta dei soccorsi

Dopo l'incendio, sale il numero delle vittime. Evacuati tutti gli altri passeggeri
e l'equipaggio. Stampa greca: 38 dispersi. Polemiche sulla sicurezza. Foto.

  • ...

Naufraghi per più di un giorno, minaccciati prima dal fuoco, poi dal freddo. Un incubo senza fine per i passeggeri del traghetto Norman Atlantic, avvolto da un incendio che si è sviluppato nei garage nelle prime ore del 28 dicembre.
Una tragedia che ha causato 10 morti secondo il bilancio confermato dalla Guardia costiera (per la stampa greca ci sono anche 38 dispersi). Un 62enne greco ha perso la vita dopo aver passato quattro ore in mare, altri nove corpi - non identificati - sono stati recuperati il 29 dicembre.
TUTTI EVACUATI. L'odissea dei naufraghi si è conclusa solo attorno alle 13.30 di lunedì 29 dicembre, quando la Guardia costiera ha reso noto su Twitter che tutti i passeggeri del traghetto sono stati evacuati.
La nave era partita da Igoumenitsa con direzione Ancona, caricando quasi 500 persone e oltre 200 veicoli. Proprio da una delle auto o dei camion si sarebbero scatenate le fiamme, che si sono poi diffuse in molte zone dell'imbarcazione.

POLEMICHE SULLA SICUREZZA. Già poche ore dopo l'incendio ci sono state le prime polemiche sulla sicurezza, perché in un controllo di sicurezza del 19 dicembre, sulla Norman Atlantic erano state riscontrate sei irregolarità, tra cui una riguardante una porta tagliafuoco.
I soccorsi sono andati a rilento a causa della proibitive condizioni climatiche, con il mare ingrossato e un forte vento, che ha reso difficile il recupero da parte degli elicotteri, e l'aggancio della nave per trainarla.
Intanto, sono arrivati nel porto di Bari 49 naufraghi, che dovevano andare a Brindisi, ma sono stati dirottati verso il capoluogo a causa del forte vento, che ha impedito l'attracco.

Tweet riguardo #NormanAtlantic

20.03 - TROVATI ALTRI DUE MORTI. Sono stati ritrovati i corpi di altre due persone decedute nel traghetto Norman Atlantic alla deriva. Lo afferma la Guardia Costiera in un tweet.

17.48 - LUPI: SALVI 44 ITALIANI, NO COMMENT SU DISPERSI. Tra i 427 salvati ci sono 56 membri dell'equipaggio, tra i quali 22 italiani: lo ha detto il ministro Maurizio Lupi. Tra i passeggeri, 234 greci, 54 turchi, 22 italiani, 22 albanesi, 18 tedeschi, 10 svizzeri e poi di altre nazionalità. «Non ci pronunciamo sulla questione dei dispersi: fare previsioni sul numero dei dispersi ci sembra assolutamente prematuro».

17.33 - PINOTTI: OTTO MORTI, SALVATI 427. «Esprimiamo dolore per gli 8 morti al momento ritrovati». Lo dice il ministro Roberta Pinotti in conferenza stampa a Palazzo Chigi. «Il primo - spiega - era un greco di cui era già stata data notizia, per le altre persone non c'è ancora contezza» dell'identità. «Sono state salvate 427 persone e due cani che erano a bordo».


17.10 - «UOMINI PICCHIAVANO LE DONNE». «È stato allucinante perché i militari portavano prima bambini, donne e anziani al livello dove potevano salire sull'elicottero, ma c'erano uomini, che li picchiavano, tiravano loro i capelli e li buttavano fuori per prendere il loro posto». Lo racconta il soprano Dimitra Theodossiou, salvata dalla Norman Atlantic.

16.56 - IL COMANDANTE: «STO BENE». «Sto bene, state tranquilli, è finito tutto: tra poco torno a casa». Con queste parole il comandante della Norman Atlantic, Argilio Giacomazzi, ha tranquillizzato la moglie e la figlia, con una telefonata arrivata poco dopo le 16 nell'abitazione di famiglia, a Cadimare, nello spezzino.

16.54 - STAMPA GRECA: 38 DISPERSI. Sette morti, ma ancora 38 dispersi: è questo il bilancio provvisorio del naufragio della Norman Atlantic secondo l'edizione online del settimanale greco To Vima, considerato tra i più autorevoli.

16.42 - PINOTTI: «OTTIMO LAVORO SQUADRA SOCCORSI». «Un ottimo lavoro di squadra» svolto dal personale della Difesa, insieme agli altri soccorritori, ha consentito «di evitare un bilancio ancora più grave in termini di vite umane». Lo ha sostenuto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti visitando le sale operative di Marina e Aeronautica.

15.36 - I MORTI SALGONO A SETTE. Sono stati trovati altri due corpi. Il totale dei morti a seguito dell'incendio del traghetto Norman Atlantic sale dunque a sette. Lo scrive in un tweet la Guardia Costiera.

15.07 - IN PORTO BRINDISI SECONDA SALMA. È arrivata a Brindisi, con una motovedetta della Guardia costiera, la seconda salma recuperata durante il salvataggio della Norman Atlantic.
A quanto si è appreso, la vittima non è stata ancora identificata. Il corpo è destinato all'ospedale Perrino di Brindisi.

14.08 - RENZI: «A BORDO SOLO IL COMANDANTE». A bordo del traghetto in fiamme nell'Adriatico «c'è ora soltanto il comandante, che come tutti i comandanti seri è l'ultimo ad abbandonare la nave». Gli altri componenti dell'equipaggio sono «stati tutti trasbordati». A bordo ci sono anche «quattro ufficiali marina militare». Lo rende noto il premier Matteo Renzi.

13.30 - TUTTI I PASSEGGERI EVACUATI. Tutti evacuati i passeggeri del traghetto Norman Atlantic. Lo annuncia la Guardia Costiera su Twitter. Rimasti a bordo solo i 9 membri dell'equipaggio per ispezionare la nave.

13.20 - LA MARINA MILITARE CONFERMA: 5 VITTIME. La Marina militare ha confermato su Twitter il recupero dei corpi di 5 vittime nell'incendio del traghetto Norman Atlantic al largo delle coste albanesi. I corpi sono stati recuperati «uno ieri (28 dicembre, ndr) e quattro oggi (29 dicembre, ndr)». Complessivamente sono state recuperate finora dal traghetto 419 persone, cinque senza vita.

12.40 - CONFERMATI CINQUE MORTI. «Le autorità italiane hanno confermato che sono stati ripescati quattro corpi, dei quali non si conosce l'identità», ha detto il ministro Miltiadis Varvisiotis parlando a giornalisti E sottolineando che «vi sono 391 persone recuperate» sui 478 passeggeri e componenti dell'equipaggio del traghetto.

12.30 - MEZZI ANCORA IN AZIONE. Proseguono le operazioni di soccorso dei naufraghi ancora presenti sul traghetto in fiamme. La nave San Giorgio della Marina Militare, che opera da ieri sul luogo dell'incidente, ha al momento 85 persone a bordo. A 10 miglia sta sopraggiungendo per i soccorsi l' imbarcazione De La Penne sempre della Marina Militare e operano sul posto, tra gli altri, due elicotteri delle Capitaneria di porto, un Atr 42 sempre delle Capitaneria di Porto, 1 elicottero dell'Aeronautica, 2 elicotteri greci e uno del De La Penne, una motonave albanese e 9 mercantili e tre rimorchiatori. Gli elicotteri fanno da spola tra il traghetto in fiamme e la nave S. Giorgio ed i mercantili sui quali vengono fatti salire i naufraghi.

12.25 - RENZI: «CINQUE MORTI». Durante la conferenza stampa di fine anno, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha detto che i morti sul traghetto sono cinque.

12.21 - 60 DA SALVARE. «Ci sono 60 persone dalla lista di imbarco che risultano da salvare; ce ne potrebbero essere di più. Talvolta, accade che ci sia qualche persona in più evidentemente frutto di immigrazione clandestina», ha detto il premier Matteo Renzi durante la conferenza stampa di fine anno.

11.58. IL GOVERNO GRECO CONFERMA 4 MORTI. Il ministro della Marina mercantile greca, Miltiadis Varvisiotis, ha confermato che quattro corpi sono stati rinvenuti in acqua nelle operazioni di salvataggio del Norman Atlantic. Lo scrive su Twitter Kathimerini.

11.17 - «IN ACQUA PER QUATTRO ORE». Io e mio marito siamo stati più di quattro ore in acqua: ho tentato di salvarlo ma non ci sono riuscita, lui mi diceva «muoriamo, stiamo morendo»: così il racconto di Teodora Douli, di 56 anni, greca, moglie del 62enne morto durante le fasi successive all'incendio divampato a bordo del traghetto, al largo delle coste albanesi.

11.04 - TRAGHETTO A DISPOSIZIONE DELLE AUTORITÀ. La società armatrice Visemar ha seguito fin dall'inizio le operazioni di soccorso «fornendo tutta la collaborazione possibile al Comando generale che sta coordinando le operazioni di salvataggio dei passeggeri e dell'equipaggio: sono a disposizione delle autorità, del Comandante e dell'equipaggio». Lo ha detto l'armatore Carlo Visentini.

10.34 - APERTA UN'INCHIESTA. La procura di Bari ha aperto un fascicolo per naufragio colposo per l'incendio a bordo del traghetto Norman Atlantic avvenuto ieri al largo delle coste albanesi. Il procuratore, Giuseppe Volpe, che ha da poco lasciato gli uffici della Capitaneria di Porto ha precisato che si tratta di una prima configurazione di reato.

10.25 - IN SALVO 356. È salito a 356 il numero delle persone salvate dal traghetto Norman Atlantic andato a fuoco al largo delle coste dell'Albania. Lo rende noto la Guardia Costiera su Twitter. Continua inoltre il ponte aereo per portare in salvo tutti i passeggeri del traghetto.

10.10 - FACEBOOK CONTRO SCHETTINO. Una pagina facebook a supporto di Argilio Giacomazzi, il comandante spezzino del Norman Atlantic, è comparsa stamani organizzata da amici e colleghi e da chi «crede che Argilio ce la farà». Tra i tanti messaggi di solidarietà, incitamento e affetto quelli di ex colleghi: «Facci vedere a tutti come si gestisce il proprio equipaggio in una situazione di emergenza e panico». E ancora: «Lei rappresenta il riscatto di tutta la Marineria italiana del dopo Costa Concordia». E infine: «Schettino guarda e impara!».

10.04 - ARRIVATO IL PROCURATORE DI BARI. Il procuratore della Repubblica di Bari, Giuseppe Volpe, è arrivato al porto di Bari ed è entrato nel terminal crociere. Il procuratore è accompagnato dal sostituto Ettore Cardinali e si sta intrattenendo a colloquio con i responsabili del porto e dei soccorsi.

9.55 - 50 RICOVERATI NEL SALENTO. Sono al momento 50 i naufraghi del traghetto Norman Atlantic ricoverati negli ospedali del Salento. Gli ultimi sono un gruppo di sette uomini di nazionalità greca, trasportati alle prime luci dell'alba da un elicottero della Marina militare all'aeroporto militare Cesari di Galatina e da qui trasferiti da personale del 118 negli ospedali di Lecce, Tricase e Scorrano.

9.35 - «HO VISTO QUATTRO MORTI». «Ho visto quattro persone morte, con i miei occhi, sono sicurissimo, erano davanti a me». Lo ha detto ai giornalisti un uomo di nazionalità turca, appena sceso dalla nave mercantile che lo ha portato, insieme con altri 48 naufraghi del traghetto Norman Atlantic, nel porto di Bari.

9.30 - «INTRAPPOLATO DALLE FIAMME». «Quando ho visto il fuoco ero vicino al ristorante. Sono sceso al piano inferiore e sono rimasto intrappolato dalle fiamme». È il breve racconto di Leonida Costantiniris, un autotrasportatore greco che si trovava sulla Norman Atlantic e che questa mattina è arrivato a Bari. L'uomo ha ustioni sul volto e in particolare sulle piante dei piedi.

9.08 - I NAUFRAGHI PIANGONO E RINGRAZIANO. Hanno pianto e hanno abbracciato i soccorritori i 49 naufraghi della nave Norman Atlantic giunti a Bari questa mattina a bordo di un mercantile. Alla vista dei soccorritori saliti a bordo, in tanti hanno pianto e hanno ringraziato per aver avuto salva la vita. Lo ha riferito ai giornalisti il prefetto di Bari, Antonio Nunziante.

8.59 - DUE IN OSPEDALE. Solo due dei 49 naufraghi della Norman Atlantic giunti questa mattina a Bari sono stati portati in ospedale. Si tratta di una donna georgiana incinta e di un uomo greco ustionato. Entrambi non sono in gravi condizioni. Tutti gli altri naufraghi - secondo quanto ha riferito ai giornalisti il prefetto di Bari, Antonio Nunziante - saranno a breve trasferiti nel terminal crociere per essere rifocillati e sottoposti a eventuali cure mediche.

8.37 - RECUPERATI 309. Sono almeno 309 le persone recuperate dal traghetto Norman Atlantic: lo afferma il ministero della Marina mercantile greco, citato su twitter da Kathimerini.

8.07 - SALVATI IN 100 NELLA NOTTE. Sono oltre 100 i naufraghi del traghetto in fiamme, Norman Atlantic, salvati nella notte dai soccorritori: lo ha detto a SkyTg24 il caporeparto operativo della Guardia Costiera, Giovanni Pettorino, il quale ha spiegato che 34 sono state le sortite in elicottero per il salvataggio dei passeggeri. «La nostra priorità», ha spiegato l'ammiraglio Pettorino, «è il soccorso alle persone. Le condizioni meteo e del mare rimangono molto complicate». A bordo ci sono ancora alcuni focolai presenti.

5.04 - PERSONALE MEDICO A BORDO. Secondo quanto ha reso noto la Marina militare italiana, personale medico e sanitario è salito a bordo del traghetto Norman Atlantic, andato a fuoco al largo delle coste dell'Albania. Sempre secondo la stessa fonte, elicotteri della Marina con capacità di visione notturna stanno operando nella zona.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso