Sacerdote_Roma
SCANDALO 2 Gennaio Gen 2015 1500 02 gennaio 2015

Abusi sessuali su minori, fermato sacerdote a Roma

Arrestato un parroco dei Parioli: era ricercato per reati commessi in Argentina.

  • ...

Fermato un sacerdote a Roma.

Un sacerdote di 46 anni, ora parroco di una chiesa nel quartiere romano dei Parioli, è stato arrestato dalla polizia con l'accusa di aver abusato sessualmente di alcuni minori quando era sacerdote in una parrocchia in Argentina.
Don Alessandro De Rossi, attualmente parroco di San Luigi Gonzaga, era ricercato perché colpito da un ordine di carcerazione emesso dalle autorità argentine.
FERMATO IL 31 DICEMBRE. L'arresto è scattato nel pomeriggio del 31 dicembre.
Secondo quanto si è appreso l'uomo è ritenuto responsabile di aver corrotto dei minorenni ed averne abusato sessualmente all' interno dei locali parrocchiali quando esercitava le sue funzioni in una chiesa argentina della provincia di Salta, nel Nord Ovest inducendoli anche a praticare sesso di gruppo.
VIOLENZE RISALGONO AL 2009. Le violenze risalirebbero ad alcuni anni fa, tra il 2009 e il 2010, quando era parroco della chiesa María Medianera de Todas Las Gracias, nel quartiere Islas Malvinas di Salta.
Il suo percorso in Argentina è durato sei anni.
Una scelta maturata per stare accanto ai più deboli. Lì ha anche riaperto una chiesa rimasta chiusa per un lungo periodo dopo l'assassinio del parroco.
RELIGIOSO MISSIONARIO. Per realizzare progetti in favore dei bambini più vulnerabili è stato tra i promotori dell' associazione 'Salta sul mondo onlus'.
Al suo ritorno in Italia, in un'intervista dell'ottobre 2013 pubblicata sul sito della diocesi di Roma, 'RomaSette', raccontava la sua missione dicendo: «Ho trovato tanta fame e sete di Dio e ho puntato a dare valore alle persone, soprattutto ai ragazzi: far conoscere loro un Dio che ti ama così come sei e aiutarli ad avere delle opportunità future».
PARROCO IN ITALIA DA SETTEMBRE 2013. Stupore tra i parrocchiani della chiesa nel quartiere di Roma Nord, dove don Alessandro era parroco da settembre 2013.
Alcune persone si sono radunate davanti all'ingresso commentando l'accaduto.
«Non mi sarei mai aspettata una cosa del genere», ha spiegato un'anziana, «mi sembrava una persona seria. Dicevano che in Sud America ha anche rischiato la vita, ha corso numerosi pericoli per aiutare gli altri».
Nel 2012 l'agenzia cattolica argentina Aica segnalava un suo ricovero in un ospedale di Salta dopo essere stato aggredito a pugni in testa da un giovane che gli chiedeva denaro e cibo.

Correlati

Potresti esserti perso