Vigili 150102102901
POLEMICA 3 Gennaio Gen 2015 1116 03 gennaio 2015

Vigili Roma, il comandante: «Sì alle rotazioni»

Clemente: «Voglio cambiare il Corpo con l'aiuto dei cittadini». È scontro con i dipendenti.

  • ...

Vigili di Roma.

Dopo la polemica sulla Municipale di Roma in seguito all'ecatombe di vigili urbani nella notte di San Silvestro è scontro tra dipendenti della Capitale e il loro comandante Raffaele Clemente.
CAMBIAMENTI IN VISTA. In un'intervista nelle pagine di Roma del Corriere della Sera, il dirigente ha affermato con fermezza la volontà di apportare dei cambiamenti all'interno del Corpo «attraverso il confronto, non solo con le organizzazioni sindacali ma anche con i cittadini, con le forze politiche e con quelle imprenditoriali».
«SOSTEGNO DA RENZI». E nella sezione dedicata alla cronaca di Roma di Repubblica, Clemente ha assicurato che non ha intenzione di arretrare sul provvedimento anticorruzione, alla base della protesta che ha portato alle tante assenze a Capodanno: «Ritengo che le rotazioni siano garanzia di discontinuità territoriale perché non si creino posizioni dominanti sul territorio». Nonostante lo scontro in atto coi sindacati, il comandante ha aggiunto di percepire un sostegno che va dal presidente del Consiglio a quello dell'Autorità Anticorruzione fino all'opinione pubblica». Un sostegno che manca da parte degli uomini che è chiamato a dirigere, assai scontenti del suo operato e, prima ancora, della sua nomina da parte del sindaco Ignazio Marino.
VIA AGLI ACCERTAMENTI. Poi ha concluso: «Dall'inchiesta interna è risultato che il 75% erano in malattia, quella che abbiamo è una fotografia in cui ora dovremo entrare. Andremo a vedere tutti i certificati medici, con eventuali nomi ricorrenti e incroci. Eventuali responsabilità o regie in quella serata saranno oggetto di un accertamento del Garante degli scioperi. Noi metteremo a disposizione le nostre attività. E anche in Procura attendono quelle risultanze».

Correlati

Potresti esserti perso