Influenza Virus Influenzale 120209183728
SALUTE 5 Gennaio Gen 2015 1715 05 gennaio 2015

Al via stagione influenza: in Italia pochi vaccinati

Superata soglia minima di casi ma calano i trattamenti dopo il caso Fluad.

  • ...

Un bambino colpito da raffreddore.

Dopo l'accenno di Capodanno la stagione influenzale è praticamente iniziata, con il superamento della soglia minima dei casi (il 10% circa).
Secondo gli esperti del Centro di controllo europeo delle malattie in Italia il virus trova un terreno ancora più fertile per i bassi tassi di vaccinazione seguiti alla vicenda del Fluad, il vaccino ritirato e poi 'scagionato' dall'Aifa.
PICCO A FINE GENNAIO. In Italia la soglia è stata superata già nella settimana tra il 22 e il 28 dicembre, come sottolineato dal bollettino della rete Influnet che ha registrato un tasso di casi superiore a 2,36 ogni 100 mila assistiti.
Anche se il picco dovrebbe arrivare fra qualche settimana, in genere a fine gennaio, è un po' tardi per vaccinarsi secondo Carlo Signorelli, presidente della Società Italiana di Igiene e Medicina Preventiva (Siti): «In genere consigliamo di farlo entro il 15 dicembre, arrivando al massimo a fine anno, questo vale per la vaccinazione 'di massa', mentre a questo punto diventa una scelta individuale».
40% VACCINATI. Secondo Signorelli, anche per il caso Fluad, «da un 50-55% di vaccinati, una cifra già bassa, si è arrivati al 40».
Negli Usa intanto si sta facendo i conti con il rischio che la stagione influenzale sia particolarmente pesante, proprio per le mutazioni nel virus prevalente.
VACCINO OBBLIGATORIO PER BIMBI PICCOLI IN USA. Per aumentare il tasso di vaccinazioni alcuni stati, ha riferito il New York Times, hanno fatto ricorso a misure draconiane.
In Connecticut e New York, ad esempio, i bambini in età prescolare potrebbero non essere riammessi a scuola se non hanno fatto il vaccino.

Correlati

Potresti esserti perso