Cherif Said Kouachi 150108090803
EDITORIALE 9 Gennaio Gen 2015 1817 09 gennaio 2015

Terrorismo in Francia: i Kouachi morti in una tipografia, che nemesi

La vendetta del destino: i terroristi sono stati uccisi dove i giornali prendono vita.

  • ...

Amedy Coulibaly, Hayat Boumeddiene, Cherif e Said Kouachi.

Hanno compiuto una strage nella redazione di Charlie Hebdo, hanno trucidato giornalisti e vignettisti comportandosi come un plotone di esecuzione: in piedi, davanti ai loro mitra, prima il direttore poi gli altri.
E fuori hanno fatto lo stesso con un colpo alla nuca a un poliziotto ferito, musulmano come loro, che alzando le mani invano implorava la loro pietà.
Due giorni dopo i fratelli Kouachi hanno trovato la morte in una tipografia di un paesino a pochi chilometri da Parigi, per mano delle teste di cuoio che li tenevano sotto assedio.
QUASI UNA VENDETTA DEL DESTINO. Una tipografia, ovvero il luogo dove i giornali si stampano, prendono corpo e vita. Non ci poteva essere una nemesi più impressionante.
Come se la libertà di espressione offesa e insanguinata da quella strage avesse trovato vendetta, si fosse ripresa il suo diritto a esistere e a essere rispettata, non importa quali siano le opinioni e le fedi di chi cerca di metterle il bavaglio.
UN LUOGO PROFONDAMENTE SIMBOLICO. E anche se di fronte alla efferatezza della mattanza compiuta nei locali del settimanale parigino non è un pensiero che consola, non si può non pensare alla giustizia divina, alla dea munita di spada e clessidra, come spesso viene rappresentata nell'iconografia, cui, secondo la mitologia, viene affidato il compito di punire i colpevoli.
Una nemesi fulminea, che ha agito a poche ore dall'efferato gesto, e che ha scelto come teatro un luogo che anche nell'epoca del digitale nell'immaginario resta profondamente correlato al mondo dei giornali.
La tradizione classica racconta che la Nemesi si prende del tempo per intervenire, che la sua vendetta non ha fretta di compiersi.
Stavolta invece la dea ha agito subito, come se di fronte all'orrore della strage non potesse aspettare.

Correlati

Potresti esserti perso