Traghetto Norman Atlantic 150103123547
CASO 12 Gennaio Gen 2015 1615 12 gennaio 2015

Norman Atlantic, forse vittime attaccate da squali

Ferite trovate sui cadaveri. Cominciate le autopsie. Gli indagati salgono a sette.

  • ...

Il relitto del Norman Atlantic.

Potrebbero essere stati attaccati da squali alcuni naufraghi della Norman Atlantic.
Il sospetto degli inquirenti baresi, dovuto alla presenza di ferite su uno dei corpi, è stato messo nero su bianco nell'atto di affidamento dell'incarico per le autopsie su nove salme. L'ipotesi è ritenuta consistente al punto che per accertare l'origine delle ferite sui cadaveri è stato chiamato un biologo marino, il dottor Lucio Rositano.
INIZIATE LE AUTOPSIE. Ad accertare origine e presenza di ferite saranno le autopsie, iniziate il 12 gennaio nell'istituto di medicina legale del Policlinico di Bari.
SETTE INDAGATI ANEK. Intanto il fatto che la Anek, noleggiatrice del traghetto Norman Atlantic, abbia due rappresentanti legali fa salire da sei a sette il numero degli indagati nell'inchiesta sul naufragio del traghetto il 28 dicembre al largo delle coste albanesi.
All'inizio si sapeva che un solo rappresentante legale era indagato ma non se ne conosceva l'identità.
I due (Georgios Katsanevakis e Ioannis Vardinogiannis) rispondono di cooperazione colposa di naufragio, omicidio plurimo e lesioni assieme agli altri cinque indagati.
ANCORA FUMO NELLA NAVE. Indagati e parti offese torneranno in procura il 20 gennaio per l'affidamento dell'incarico per gli accertamenti tecnici irripetibili sulle due scatole nere recuperate a bordo del relitto della Norman Atlantic. Mentre i pm baresi indagano, nel porto brindisino continuano i sopralluoghi sul relitto. Il fumo nella nave è ancora intenso: l'unica certezza dei vigili del fuoco è che il rogo non sarebbe scoppiato nei garage dei ponti 1 e 2.

Correlati

Potresti esserti perso