Banchi Scuola 121022195550
SCUOLA 14 Gennaio Gen 2015 1735 14 gennaio 2015

Novità Maturità, per la seconda prova allo Scientifico non solo matematica

Potrebbero uscire anche fisica o scienze natuali. Educazione ambientale obbligatoria.

  • ...

Studenti tra i banchi di scuola.

Dopo tanti annunci di cambiamenti, tra cui l'abolizione dei commissari esterni di Maturità, ormai è assodato che, almeno per quanto riguarda le commissioni, nessuna sorpresa aspetta i maturandi 2015. Qualche dettaglio diverso, tuttavia, potrebbe esserci. Quella di quest'anno, infatti, è la 'prima' Maturità con la riforma Gelmini e la seconda prova riguarderà anche le materie caratterizzanti di indirizzo.
FISICA O SCIENZE NATURALI. Una novità che - ha spiegato Skuola.net - interessa particolarmente gli studenti del liceo scientifico, per i quali potrebbe spezzarsi la tradizione che vuole ogni anno matematica nella seconda prova: potrebbero ritrovarsi anche un compito di fisica o scienze naturali a seconda dell'indirizzo di studi. Le prove della Maturità 2015 saranno molto più orientate a testare le competenze dei singoli indirizzi e, di conseguenza, la rosa delle materie da cui estrarre la traccia della seconda prova sarà più ricca ed eterogenea rispetto agli scorsi anni.
NUOVE OPZIONI DISPONIBILI. Il ministero potrebbe decidere, proprio per la prima Maturità scientifica della riforma Gelmini, di sperimentare le nuove opzioni disponibili. Insomma, la regola dell'alternanza su cui si basa generalmente la scelta delle tracce di maturità al classico potrebbe 'contagiare' anche l'indirizzo scientifico e fisica potrebbe essere la materia per la seconda prova nell'edizione 2015 della Maturità. Al liceo scientifico e al liceo scientifico indirizzo sportivo si sceglierà per la seconda prova tra matematica e fisica. Per l'indirizzo Scienze applicate dello scientifico, oltre a queste due materie, il ministero potrebbe scegliere anche una traccia di scienze naturali.
EDUCAZIONE AMBIENTALE OBBLIGATORIA. L'educazione ambientale, invece, diventerà materia scolastica obbligatoria, dalla materna alla secondaria superiore, dal prossimo anno. Il progetto è dei ministeri dell'Ambiente e dell'Istruzione. A quanto si è appreso, ci saranno 10 argomenti base, dai rifiuti alla biodiversità, che saranno affrontati anche nell'ambito di altre materie. Le linee guida del progetto sono contenute in un fascicolo di almeno 150 pagine a cui da diversi mesi sta lavorando il sottosegretario all'Ambiente, Barbara Degani. L'obiettivo è di insegnare ai bambini di porsi in modo corretto nei confronti dell'ambiente che li circonda.

Correlati

Potresti esserti perso