Blitz Antiterrorismo Verbiers 150115204010
RETROSCENA 16 Gennaio Gen 2015 1100 16 gennaio 2015

Belgio, jihadisti volevano decapitare una personalità

I terroristi di Verviers erano ceceni. La procura: «Attentato a giorni». 13 arresti.

  • ...

Il blitz antiterrorismo a Verbiers, in Belgio.

Il bersaglio principale erano gli agenti di polizia, ma c'era il rapimento e la decapitazione di un personaggio vip nei piani della cellula terroristica sgominata in Belgio giovedì 15 gennaio.
Un retroscena, quest'ultimo, rivelato dal sito della Dernière Heure riprendendo notizie di un giornale fiammingo. Mentre l'emittente belga Rtl, che ha citato il ministro degli Esteri belga Didier Reynders, ha svelato che il gruppo di terroristi era di origine cecena
13 ARRESTI E DUE TERRORISTI UCCISI. Nella mattina di venerdì 16 gennaio la procura di Bruxelles ha fatto il punto sul blitz volto a «disinnescare una pericolosa cellula jihadista presente nel Paese e smantellare il suo network perché stava preparando degli attentati».
Sono state effettuate 12 perquisizioni, due a Verviers, il resto nella zona di Bruxelles (sei nel comune di Molenbeek, una a Anderlecht, una in centro, una a Berchem, una Liedekerke).
Tredici persone sono state arrestate, due terroristi sono morti nel conflitto a fuoco a Verviers. La loro identità non è stata ancora comunicata, ma secondo l’emittente belga Rtl i due potrebbero essere di origine cecena.
ATTACCO ALLA POLIZIA QUESTIONE DI ORE O GIORNI. L'attentato contro la polizia, secondo la procura, era questione di ore o al massimo di giorni. Inoltre, non è stato indicato un luogo specifico. L'attacco poteva essere sferrato ovunque sul territorio del Paese, sia contro commissariati sia contro agenti sulla strada.
MASSIMA ALLERTA E SCUOLE EBRAICHE CHIUSE. Massima allerta nel frattempo in tutto il Paese: le scuole ebraiche di Bruxelles e Anversa sono rimaste chiuse e anche numerosi posti di polizia hanno chiuso le porte al pubblico per timore di attacchi. Intanto nell’intero Paese l’allerta resta a livello 3, ovvero «grave».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso