Emilio Fede 141023123337
BATTAGLIA 16 Gennaio Gen 2015 1812 16 gennaio 2015

Emilio Fede: «Da Mediaset voglio almeno tre milioni di euro»

L'ex direttore del Tg4 a La Zanzara: «Licenziamento ingiurioso, faccio causa. Pago affitto e autista da solo». 

  • ...

Emilio Fede.

Continua la guerra di Emilio Fede con Mediaset.
L’ex direttore del Tg4, scaricato dall’azienda il 31 ottobre 2014, a pochi giorni dalla sentenza di appello del processo Ruby-bis (in primo grado è stato condannato a sette anni di reclusione) ha annunciato di muoversi per vie legali, e di pretendere un risarcimento piuttosto consistente.
Il giornalista 83enne ha infatti dichiarato durante la trasmissione radiofonica La Zanzara, su Radio24: «Ho fatto causa a Mediaset, chiedo 8 milioni di euro. Poi possiamo metterci d’accordo, ma meno di 3 milioni non accetto», spiegando che «l’udienza per la causa di lavoro si svolgerà a Milano il prossimo 20 gennaio». «Dopo tutto quello che ho fatto per Mediaset», ha detto Fede al conduttore Giuseppe Cruciani, «meno di tre milioni non li prendo nemmeno per sogno».
«VOGLIO ESSERE RIABILITATO DALL'AZIENDA». Ma l'ex direttore del Tg4 non si accontenta: «Voglio le scuse dai vertici dell’azienda», ha annunciato, «per un licenziamento ingiurioso». «Voglio essere riabilitato dall’azienda. Devo essere risarcito innanzi tutto moralmente, per me, per la mia famiglia, i miei nipoti. Mi hanno messo fuori completamente con una mail, non sono più potuto rientrare in ufficio. Voglio le scuse di chi ha deciso».
«PAGO UN AFFITTO DA 2.700 EURO». E ha rivelato di dover far fronte a diverse spese: «Sono stato cacciato di colpo», ha spiegato Fede, «e mi hanno tolto tutto: la casa, la macchina. Adesso pago io un affitto da 2.700 euro e la macchina l’ho presa in leasing a 800 euro al mese mentre l’autista lo pago quando lo chiamo». «Il mio contratto scadeva alla fine di giugno», protesta ancora Fede, «invece con la scusa delle foto mi hanno cacciato. Ma sapevano tutto, non ho ricattato nessuno».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso