Carabinieri 141124114425
GIUSTIZIA 19 Gennaio Gen 2015 0720 19 gennaio 2015

Mafia, sgominato il clan Scu in Salento: 19 arresti

Tra le accuse estorsioni, rapine e traffico di stupefacenti. Ricercate due persone in Germania e Svizzera.

  • ...

Un'auto dei carabinieri.

In un'operazione condotta dai carabinieri del comando provinciale di Lecce, 19 persone, tutte presunti appartenenti alla organizzazione di tipo mafioso Sacra Corona Unita operante nel Nord Salento sono state arrestate perché ritenute responsabili di associazione di tipo mafioso, traffico illecito di sostanze stupefacenti, porto abusivo d'armi, estorsione e rapina.
Le persone raggiunte da ordinanza di custodia cautelare in carcere sono presunti affilati al clan De Tommasi-Notaro (quest'ultimo arrestato il 1 dicembre 2014 dopo un periodo di latitanza).
ARRESTI ALL'ESTERO. Gli arresti sono stati eseguiti anche in Germania e Svizzera, dove due persone sono ricercate poiché colpite da mandato di arresto internazionale.
I provvedimenti sono stati disposti dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Lecce Annalisa De Benedectis su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia.
Nel corso delle indagini sono stati eseguiti numerosi sequestri di droga e di un arsenale di armi nella disponibilità del clan mafioso.
EPISODI INTIMIDATORI. Nel corso dell'attività investigativa, i carabinieri hanno accertato una serie di episodi intimidatori, anche a scopo omicidiario, tra membri dello stesso clan. Obiettivo: la conquista della leadership sul territorio del Nord Salento, finalizzata al controllo del traffico di stupefacenti e delle altre attività illecite.
Le indagini hanno permesso di ricostruire in particolare numerose intimidazioni a colpi di colpi d'arma da fuoco contro persone, autovetture e abitazioni degli affiliati, prologo di una faida interna per la supremazia del gruppo emergente. Sequestrata droga e un arsenale di armi nella disponibilità del clan.
Nel corso della pianificazione delle azioni di fuoco in danno degli avversari, gli investigatori sono riusciti a disinnescare ogni minaccia eseguendo numerosi controlli con conseguenti arresti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso