Frontiera 111213122026
SICUREZZA 21 Gennaio Gen 2015 1225 21 gennaio 2015

Terrorismo, la polizia: più controlli alle frontiere

Circolare per potenziare le procedure di controllo in entrata e in uscita dal Paese.

  • ...

Frontiera italo-svizzera.

Una nuova circolare della Direzione centrale della polizia dell'immigrazione fa scattare nuove misure alle frontiere. «Le accresciute esigenze di sicurezza derivate dagli attuali scenari internazionali», recita la nota, «impongono la necessità di potenziare e ottimizzare le procedure di controllo adottate alle frontiere italiane in entrata e in uscita dal Paese».
IL RUOLO DELLE BANCHE DATI. Nella circolare si chiede agli uomini impegnati nei controlli di procedere anche al «sistematico accesso» alle banche dati «in grado di migliorare il processo di gestione dei rischi e di contrastare adeguatamente» il terrorismo internazionale.
La circolare è stata firmata il 20 gennaio dal direttore della polizia dell'immigrazione, Giovanni Pinto, ed è destinata ai dirigenti di tutti gli uffici di frontiera italiani.
Il documento sottolinea, tra l'altro, «l'importanza strategica» delle attività svolte dalla polizia di frontiera in questo determinato momento, soprattutto per quanto riguarda l'applicazione di quelle misure che «garantiscono la sicurezza dello spazio Schengen» e il contrasto dell'immigrazione clandestina.
Ecco perché è «indispensabile una adeguata risposta che realizzi la piena efficacia dei dispositivi e delle misure ai controlli di frontiera».
ACQUISIRE LE LISTE DEI PASSEGGERI. Nella circolare si chiede chiede inoltre di «potenziare» l'uso del sistema per «l'acquisizione anticipata delle liste passeggeri dei vettori provenienti da aree a rischio». L'intensificazione dei controlli non riguarda solo le frontiere esterne ma anche quelle interne all'area Schengen. «Analoga attenzione», si legge infatti nella circolare, «dovrà essere prestata nella predisposizione dei dispositivi di controllo alle frontiere interne nazionali, anche terrestri».

Correlati

Potresti esserti perso