Giuseppe Civati 140116183648
POLEMICHE 24 Gennaio Gen 2015 1531 24 gennaio 2015

Colle, Civati attaccato sul web dopo la proposta anti-Nazareno

Twitter si scatena dopo l'ipotesi di un asse con Vendola. Sel: «Contro di lui squadrismo».

  • ...

Dopo che Pippo Civati e Nichi Vendola hanno rilanciato l'ipotesi di un asse a sinistra per contrastare l'avanzata al Colle di un candidato che unisca Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, proponendo un «NN, No Nazareno», sono piovute puntuali le polemiche. Soprattutto ad essere attaccato è stato Civati, preso di mira su Twitter e sulla sua pagina Facebook dove la proposta è stata assalita da commenti, insulti e inviti a lasciare il partito.
SEL: «SQUADRISMO CONTRO CIVATI». Arturo Scotto, capogruppo Sel alla Camera ha replicato agli insulti ricevuti in Rete da Pippo: «È vergognoso che ci sia una forma di squadrismo telematico che sta diventato diffuso e pericoloso sul piano democratico». «Quanto al Quirinale, serve un passaggio in cui si decide il presidente della Repubblica e, mentre Renzi ne discute con Berlusconi, non mi pare scandaloso che Civati possa sollevare delle critiche. Lo cosa incredibile è la contraerea renziana al dissenso».
SUL BLOG LA REPLICA A GRAMELLINI. Civati è tornato a parlare della proposta lanciata con Vendola sul suo blog, dove risposto a Massimo Gramellini, che nel 'Buongiorno' pubblicato la mattina del 24 gennaio su La Stampa ironizzava sull'idea avanzata dal deputato Pd. «Un presidente libero, autorevole e autonomo, per il Paese e contro nessuno, potrebbe emergere dal libero confronto delle forze politiche e non da uno schema che potrebbe condizionarlo. Non ad personam, insomma, ma per le persone, maggioranza o minoranza poco importa, anche perché poi maggioranze e minoranze cambiano», ha scritto Civati.
«TROPPA MALIZIA, PROPOSTA APERTA A TUTTI». «Proposte che», ha replicato a Gramellini, «malgrado la solerzia con cui alcuni maliziosamente si sono affrettati a interpretarla diversamente, è aperta a tutti. A tutti quelli che pensano che il presidente della Repubblica non debba essere scelto solo tra due persone, non nelle segrete stanze e non per motivi non chiari, ma nella condivisione e all'aria aperta».

Correlati

Potresti esserti perso