Fiume Sele 150131105000
MALTEMPO 31 Gennaio Gen 2015 1045 31 gennaio 2015

Maltempo, esonda il fiume Sele: famiglie evacuate

A Salerno zona già colpita nel 2014. A Roma 160 interventi dei vigili del fuoco. Crolla palazzina in Calabria.

  • ...

Il maltempo imperversa sul centro-sud. E colpisce soprattutto Campania e Calabria. Nel salernitano case allagate e famiglie evacuate per l'esondazione del Sele. Nel crotonese per una frana, provocata dalle forti piogge, una palazzina è crollata e altre tre abitazioni hanno subito ingenti danni.
160 INTERVENTI DEI VIGILI DEL FUOCO A ROMA. A Roma sono stati 160 gli interventi compiuti dai vigili del fuoco per la caduta di alberi, cartelloni, tegole e vasi provocati dal forte vento. Mentre all'Aquila le scuole sono rimaste chiuse per le abbondanti nevicate. Una situazione che non è destinata a migliorare: tant'è che la Protezione civile ha diramato una nuova allerta.
Il forte vento ha fatto cadere un albero di 12 metri su un palazzo, mentre un altro ha sfiorato i passanti in una delle zone più frequentate dai turisti, in via delle Terme di Caracalla, senza però provocare feriti.
ESONDAZIONI DEL SELE NEL 2010 E NEL 2014. Il Sele ha rotto gli argini in più punti, nel territorio del Comune di Capaccio Paestum, un'area che era già finita sott'acqua nel 2010 e lo scorso anno. Il fiume ha invaso le campagne, travolgendo numerose aziende ortofrutticole e zootecniche, ma anche tante abitazioni: 200 secondo le prime stime, ridimensionate a 70 dalla Protezione civile.
Diverse le famiglie evacuate e restano problemi per l'elettricità. Sempre nel salernitano, scuole chiuse e strade allagate per le forti piogge in diversi Comuni del Vallo di Diano e del Golfo di Policastro. Mentre dal golfo di Napoli sono a singhiozzo i collegamenti con le isole, a causa del forte vento e del mare agitato.
CROLLA PALZZINA IN CALABRIA. In Calabria è avvenuta in una frazione di Petilia Policastro la frana che ha provocato il crollo della palazzina: nessun ferito perchè le quattro famiglie che abitavano nello stabile in quel momento non erano in casa. Ma secondo il sindaco, Amedeo Nicolazzi, è l'intera frazione a essere a rischio.
Nel consentino violente mareggiate, con onde alte cinque metri, si sono abbattute sulla costa tirrenica, provocando danni a strutture turistiche: tra le località coinvolte, Diamante e Belvedere Marittimo.
RINVIATO CARNEVALEDI PUTIGNANO IN PUGLIA. A causa del maltempo in Puglia - dove è allerta per rischio idraulico del fiume Ofanto- è stato rinviato al primo febbraio il primo corso mascherato del Carnevale di Putignano (Bari), il più noto della regione ed uno dei più antichi d'Italia.
TORNA L'ACQUA ALTA A VENEZIA. A Venezia è tornato il fenomeno dell'acqua alta, sia pure meno intenso di quanto era stato preventivato: 96 centimetri, che dovrebbero diventare 110 nella giornata del primo febbraio.
Le previsioni meteo non fanno sperare: sono attese ancora precipitazioni temporalesche e forti venti di burrasca sul centro-sud; mentre l'arrivo di aria più fredda porterà , a partire dalle prime ore del primo febbraio, neve a quote collinari su Friuli Venezia Giulia, Toscana, Umbria, Abruzzo, Molise, Lazio e Sardegna. La Protezione civile teme soprattutto 'criticità idrogeologiche e idrauliche' e da questo punto di vista l'allarme principale riguarda la Basilicata.

Correlati

Potresti esserti perso