Ucraina 141118121318
GUERRA NELL'EST 3 Febbraio Feb 2015 1600 03 febbraio 2015

Ucraina, gli Usa: «Per ora niente armi a Kiev»

Altri scontri all'aeroporto di Donetsk. Merkel: «Urge puntare su soluzione diplomatica».

  • ...

Un tank dei separatisti nell'Ucraina dell'Est.

Il governo degli Usa ha smentito l'ipotesi dell'invio di armi ai militari ucraini, almeno «nel prossimo futuro». Ben Rhodes, vice consigliere per la sicurezza nazionale, intervistato dalla Cnn ha precisato che l'amministrazione di Obama ritiene che le sanzioni restano il modo migliore per fare pressioni sulla Russia
Rhodes non ha tuttavia smentito direttamente un articolo apparso sul New York Times secondo cui gli Stati Uniti starebbero pensando concretamente di inviare supporti militari al governo di Kiev, affermando che il presidente americano ha chiesto ai suoi consiglieri di valutare «tutte le opzioni», anche se Washington preferisce che il conflitto tra governo ucraino e separatisti filorussi si risolva pacificamente.
Su questo tema, ha proseguito ancora Rhodes, il prossimo incontro alla Casa Bianca tra il presidente Usa, Barack Obama, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, sarà «molto importante».
MERKEL: «PUNTARE A SOLUZIONI DIPLOMATICHE». «Io credo sia urgente puntare a delle soluzioni diplomatiche», ha dichiarato a distanza di poco tempo la cancelliera tedesca Merkel, in conferenza stampa con il premier di Singapore, rispondendo a una domanda sul confronto con Obama. «La Germania non consegnerà armi letali all'Ucraina», ha ribadito, «ci concentriamo a una soluzione diplomatica».
DONETSK, SCONTRI VICINO ALL'AEROPORTO. Nell'Ucraina orientale, intanto, i combattimenti sono proseguiti. Il 3 febbraio nella zona dell'aeroporto di Donetsk «risultano dispersi 28 militari ucraini» e i reparti di soccorso non riescono ad arrivare in quell'area a causa dei bombardamenti, ha spiegato il portavoce dello stato maggiore delle forze armate di Kiev, Vladislav Selezniov, in un'intervista tivù ripresa dall'agenzia Interfax. L'aeroporto di Donetsk è caduto nelle mani dei separatisti del Sud-Est ucraino dopo mesi di aspri combattimenti.
242 MORTI NELLE REPUBBLICHE SEPARATISTE DA GENNAIO. Almeno cinque civili sono morti e altri 13 sono rimasti feriti nei bombardamenti di artiglieria che si sono abbattuti nelle ultime 24 ore sulla città, roccaforte dei ribelli del sud-est ucraino, secondo quanto riferito dall'amministrazione cittadina. Secondo il ministero della Difesa dell'autoproclamata repubblica di Donetsk, in tutto il territorio della regione i civili uccisi sono otto e i feriti 22. Le due repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk sostengono che a gennaio sono stati uccisi in totale 242 civili.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso