Vincenzo_Iaquinta
IL CASO 4 Febbraio Feb 2015 1600 04 febbraio 2015

Iaquinta perquisito per armi detenute dal padre senza permesso

Trovate due pistole intestate all'ex calciatore che il padre, coinvolto nell'indagine Aemilia, non poteva detenere.

  • ...

Vincenzo Iaquinta ai tempi della Juventus.

Vincenzo Iaquinta, ex calciatore campione del mondo nel 2006, è stato perquisito su iniziativa di polizia giudiziaria, alla ricerca di possibili prove di reato dopo che in casa del padre, Giuseppe, arrestato nell'operazione Aemilia, erano state trovate due pistole intestate al figlio.
RISPONDE IN CONCORSO DI DETENZIONE ABUSIVA. Le armi sarebbero regolarmente detenute dall'ex calciatore, ma il padre, in seguito ad un divieto, non poteva averle in casa, motivo per cui il figlio risponde, in concorso con lui, di detenzione abusiva di armi e munizioni, oltre che di non aver denunciato lo spostamento delle pistole.
Nell'ambito dell'indagine sulle infiltrazioni della 'ndrangheta è avvenuta una perquisizione anche a casa dello sportivo calabrese.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso