Migranti Lampedusa 140102110506
EMERGENZA 9 Febbraio Feb 2015 1430 09 febbraio 2015

Immigrazione, strage al largo di Lampedusa

A causa dell'ipotermia il bilancio delle vittime è salito a 29. Il sindaco Nicolini: «Siamo tornati a prima di Mare Nostrum».

  • ...

Un barcone di immigrati in arrivo a Lampedusa.

Morti di freddo, dopo essere rimasti alla deriva su un barcone, mentre il mare era in condizioni proibitive.
Sono 29 le vittime accertate dell'ennesima tragedia della disperazione consumata nel Mediterraneo, al largo di Lampedusa. Ma il bilancio potrebbe ancora salire.
Le vittime facevano parte del gruppo che si trovava a bordo di un barcone alla deriva a largo delle acque libiche, soccorso dalla Guardia costiera nel corso della tarda serata dell'8 febbraio.
DIFFICILI I SOCCORSI. Le condizioni proibitive del mare - forza 8, con onde alte anche fino a nove metri - hanno reso particolarmente difficile il soccorso e stanno ulteriormente rallentando il rientro a Lampedusa: le motovedette procedono infatti a non più di due nodi all'ora. La richiesta di aiuto era arrivata da un telefono satellitare nel pomeriggio alla centrale operativa delle Capitanerie di Porto di Roma.
PROFUGHI A BORDO DELLE MOTOVEDETTE. Ricevuto l'Sos, sul posto sono stati immediatamente dirottati due mercantili che si trovavano in zona, il Bourbon/Argos e il Saint Rock e, contemporaneamente, sono partite da Lampedusa due motovedette, la Cp 302 d la Cp 305. Arrivate sul posto attorno alle 22, le motovedette hanno completato il trasbordo dei migranti in piena notte e ripreso la rotta verso Lampedusa. I profughi si trovano ancora a bordo delle motovedette delle capitanerie.
NICOLINI: «SIAMO TORNATI A PRIMA DI MARE NOSTRUM». Amaro il commento del sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini: «I 366 morti di Lampedusa non sono serviti a niente, le parole del papa non sono servite a niente, siamo tornati a prima di Mare Nostrum, questa è la realtà».
Il primo cittadino dell'isola ha detto all'Adnkronos che chiederà «al più presto un incontro al Viminale per sapere come dobbiamo organizzarci in vista dell'arrivo della primavera».
BOLDRINI: «UN ORRORE». Un nuovo dramma che riaccende la polemica sui limiti di Triton, la missione gestita direttamente da Frontex, l'agenzia Ue per il controllo delle frontiere e che è subentrata all'operazione Mare Nostrum. Un «orrore», come ha dichiarato la presidente della Camera, Laura Boldrini, «persone morte non in un naufragio, ma per il freddo. Queste le conseguenze del dopo #MareNostrum», ha aggiunto in un tweet l'ex portavoce dell'Unhcr.
POLEMICA SU TRITON. Mentre il leader della Lega Matteo Salvini ha annunciato che chiederà al presidente della Commissione europea Jean Claude Junker di sospendere Triton e intanto sollecita le dimissioni del ministro dell'Interno Angelino Alfano.

Correlati

Potresti esserti perso