Disoccupazione 141031102743
ANALISI 11 Febbraio Feb 2015 1216 11 febbraio 2015

Crisi, il 20% dei suicidi causato da mancanza di lavoro

Studio internazionale su 63 Paesi: il fenomeno conta 45 mila casi l'anno, boom dal 2008.

  • ...

Giovani in cerca di lavoro.

Un suicidio su cinque è legato a disoccupazione e sono circa 45 mila le persone che ogni anno si tolgono la vita spinte dalla mancanza di lavoro propria o di un familiare.
NEL MONDO UN MILIONE DI SUICIDI L'ANNO. A rivelarlo una ricerca pubblicata sulla rivista 'The Lancet Psychiatry' per la prima volta su vasta scala (63 paesi) presso l'università di Zurigo.
Condotta tra gli altri da Carlos Nordt, la ricerca mostra anche che nel 2008, anno della crisi per antonomasia, il numero di suicidi legati alla disoccupazione è aumentato di ben nove volte.
Nel mondo si verifica quasi un milione di suicidi l'anno, nei «63 paesi da noi considerati (Europa, Americhe, escluse India e Cina) sono circa 230 mila i suicidi annui stimati».
PRIMO STUDIO RESPIRO INTERNAZIONALE. Non è la prima volta che si collega l'atto estremo del togliersi la vita a congiunture economiche sfavorevoli che possono divenire di portata «letale» per soggetti già di per sé vulnerabili e colpiti in maniera diretta da problemi economici.
Ma questo è il primo studio, sostengono gli autori, ad avere un respiro internazionale (non riferito, cioè, ai dati di un singolo paese), utilizzando una vasta mole di dati relativi al periodo 2000-2011.
Gli esperti hanno stimato che in almeno un caso su cinque il suicidio è ricollegabile alla disoccupazione e che ogni anno circa 45 mila persone si tolgono la vita per tale problema.
Inoltre, guardando all'età del suicida (non mancano casi tra i 65enni, insomma tra persone plausibilmente non più in età lavorativa), emerge che il gesto senza ritorno è non di rado compiuto da persone non direttamente travolte dalla disoccupazione, ma magari da loro familiari.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso