Dominique Strauss Kahn 150203173127
CASO 11 Febbraio Feb 2015 1140 11 febbraio 2015

Francia, Strauss-Kahn: «Sono innocente, non pensavo fossero prostitute»

L'ex capo dell'Fmi al processo di Lille sulle squillo: «Nessun delitto, ho partecipato a 12 festini in tre anni».

  • ...

Dominique Strauss-Kahn è stato ministro delle Finanze francese dal 4 giugno 1997 al 2 novembre 1999.

Seconda settimana di processo sul giro di squillo all'Hotel Carlton di Lille, nel Nord della Francia per Dominique-Strauss-Kahn.
L'economista è stato messo a confronto con le testimonianze delle ex prostitute che si erano costituite parte civile nel processo in cui è indagato per sfruttamento aggravato della prostituzione insieme ad altre 13 persone e nel quale è tornato a proclamare la sua totale innocenza. «Non sapevo che fossero prestazioni a pagamento».
A PAGARE UN IMPRENDITORE. Il 65enne ha assicurato che a pagare per quei festini, senza che lui sapesse nulla, erano stati l'amico Fabrice Pazskowski e l'imprenditore David Roquet. Obiettivo, secondo la difesa, era quello di entrare nelle grazie di colui che all'epoca era uno degli uomini più potenti al mondo e che di lì a poco avrebbe probabilmente varcato la soglia dell'Eliseo.
Dsk ha ripetuto come un mantra la sua linea difensiva davanti ai giudici: «Non ho commesso crimini né delitti».
«Non poteva ignorare che fossi una prostituta», ha invece spiegato Mounia, raccontando che in un festino di Parigi Dsk insistette per un rapporto «contro natura».
DSK DIFENDE LA SUA STATURA. La squillo di origini marocchine ha precisato che a pagare non era mai Dsk, ma sempre i suoi amici e prima degli incontri. «Ma non potevano esserci dubbi sul fatto che ognuno fosse al corrente che le ragazze venivano retribuite» ha sottolineato.
Nel corso delle udienze Strauss-Kahn ha anche detto di non non aver alcun interesse ad andare con le prostitute e si è vantato della sua statura di grande economista: «Quando ero al Fondo Monetario Internazionale, abbiamo salvato il pianeta da una delle peggiori crisi finanziarie».
Poi ha ridimensionato la sua 'passione incontrollata' per i festini hard: «Solo quattro incontri all'anno durante tre anni».
Dsk rischia fino a 10 anni di carcere e una multa da 1,5 milioni di euro.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso