Grigio 150212133406
CINEMA 12 Febbraio Feb 2015 1619 12 febbraio 2015

Varazze, Cinquanta sfumature di grigio cancellato in sala

I salesiani autorizzano la visione del film, ma i cittadini in protesta lo bloccano. Gestore multato. 

  • ...

Dakota Johnson e Jamie Dornan sul red carpet con 50 sfumature di grigio.

Coniugare il cinema dei Salesiani, punto di riferimento delle domeniche d'oratorio, e il film hot Cinquanta sfumature di grigio non si può. Pena lo scatenarsi della censura popolare.
Ed è stata proprio la mordacchia dei cittadini di Varazze (Savona) che ha costretto il gestore laico del cinema Don Bosco a cancellare dalla programmazione il film che doveva essere proiettato nel fine settimana. Risultato, il film è stato cancellato e il gestore s'è beccato la multa.
PER I SALESIANI «NESSUN PROBLEMA». L'attesissimo Cinquanta sfumature di grigio, il film erotico nelle sale dal 12 febbraio, trasposizione cinematografica dei romanzi di E.L. James, è stato bandito dal cinema, ma quel che è più curioso è che a decidere la cancellazione della pellicola non siano stati i Salesiani, proprietari della sala. Per loro «nessun problema, il film poteva essere proiettato». Anzi, avrebbe anche fatto cassa visto che è la pellicola più attesa dell'inverno. Il divieto è stato dato invece dai cittadini, probabilmente un po' troppo bigotti per permettere che nel cinema parrocchiale venissero proiettate scene sadomaso e di bondage.
LETTERE DI PROTESTA DEI CITTADINI. Un tourbillon di lettere di proteste e telefonate, insomma una cascata di indignazione senza sfumature è piovuta sulla testa dei poveri salesiani e del gestore. La programmazione è stata eliminata, cancellazione che è stata annunciata con un triste foglietto attaccato nella bacheca che ospitava la locandina. Un foglietto sul quale è stato scritto: «Informiamo il pubblico che il film non verrà proiettato, non per nostra volontà». Firmato, il gestore. Il quale lamenta «la multa da pagare per la mancata proiezione. Ci sono dei contratti da rispettare, era novembre che avevamo comprato la pellicola».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso