Tifoso Feyenoord 150220100956
DISORDINI 21 Febbraio Feb 2015 1600 21 febbraio 2015

Roma, arrestati altri tre tifosi del Feyenoord

Danneggiavano segnali stradali e auto parcheggiate. Uno di loro aveva un coltello.

  • ...

Un tifoso del Feyenoord.

Dopo aver tentato di sradicare dei segnali stradali, sono saliti sulle auto parcheggiate danneggiandone cofani e tetti: altri tre giovani olandesi, tra i 19 e i 20 anni, sono stati arrestati la notte tra il 20 e il 21 febbraio a Roma dalla polizia, in via delle Mura Portuensi, per danneggiamento aggravato e uno anche per possesso di coltello.
SEGNALAZIONE DEI RESIDENTI. La segnalazione è arrivata alla Sala operativa della questura verso l'1 del mattino da parte di alcuni residenti e inoltrata alle pattuglie presenti in zona: sul posto sono giunte in breve due auto del commissariato San Paolo e una di Monteverde.
Grazie alle indicazioni fornite dai testimoni i poliziotti si sono diretti verso un albergo della zona, dove hanno individuato i responsabili dei danneggiamenti, tre giovani olandesi, in evidente stato di ubriachezza, uno dei quali con al collo una sciarpa del Feyenoord.
SUL CELLULARE I FILMATI DEGLI SCONTRI. I tre, al momento del fermo, erano intenti a visionare sui propri cellulari dei filmati relativi agli scontri avvenuti tra tifosi della squadra olandese e forze dell'ordine nei giorni precedenti.
Nel giubbotto di uno dei tre, inoltre, è stato sequestrato un coltello con una lama di circa 25 centimetri. Nel corso del sopralluogo sono state individuate due auto con impronte di scarpe sul cofano e un finestrino infranto. Riconosciuti senza alcuna incertezza dai testimoni presenti, sono stati condotti in commissariato e poi arrestati.
CONDANNATI A SEI MESI. Processati per direttissima, due sono stati condannati a sei mesi di reclusione ciascuno, con pena convertita in una multa pari a 45 mila euro. Mentre un terzo a quattro mesi con pena convertita a 35 mila euro. Il giudice ha stabilito per tutti la convalida dell'arresto e ha disposto il ritorno in libertà.

Correlati

Potresti esserti perso