Riccardo Bossi 120802124919
CRONACA 26 Febbraio Feb 2015 1905 26 febbraio 2015

Varese, gioielliere denuncia Riccardo Bossi

Il primogenito del Senatur avrebbe acquistato orologi e preziosi senza mai pagarli. Il proprietario: «Adesso spero che qualcuno intervenga e paghi il debito».

  • ...

Dopo gli scivoloni di Renzo Bossi, alias Trota, ecco quelli di Riccardo, figlio di Umberto e della prima moglie, Gigliola Guidali. Ai microfoni della Zanzara, su Radio 24 ha detto: «Se vedo due uomini che si baciano mi giro dall’altra parte, non mi piace. Ma ormai siamo un paese multietnico». Voleva dire che i gay sono tutti immigrati? Poi, ha chiarito nuovamente la questione dei rimborsi elettorali della Lega. «C’è stato un attacco nei confronti del Carroccio. Il partito a me non ha mai dato del denaro e se la mia famiglia, mio padre, mi ha dato dei soldi sono c... miei. Capito? Sono beati c... miei. Che problemi ci sono?».

Riccardo Bossi, primogenito del fondatore della Lega Nord Umberto Bossi, è stato denunciato dal titolare di una catena di gioiellerie, che lo ha accusato di non aver pagato un orologio e alcuni preziosi acquistati a Varese. Il valore degli articoli, come ha riportato il quotidiano La Prealpina, sarebbe di alcune decine di migliaia di euro.
«GIOIELLI DATI SULLA FIDUCIA». Il titolare della catena, Bruno Ceccuzzi, ha dichiarata: «Riccardo Bossi ha acquistato orologio e gioielli dopo Natale e glieli abbiamo consegnati sulla fiducia, anche se non è un nostro cliente abituale, convinti che un personaggio così noto li avrebbe pagati in tempi brevi». Ma è ormai «trascorso del tempo e i soldi non sono arrivati, lo abbiamo contattato diverse volte e lui ci ha detto che sarebbe arrivato un bonifico dalla banca, e anche che avrebbe restituito l'orologio. Nonostante le promesse però non abbiamo ottenuto risultati.
CONSEGNATI I FILMATI DELL'ACQUISTO. Bruno Ceccuzzi ha così deciso di sporgere denuncia alla polizia di Varese, consegnando anche i filmati delle telecamere installate all'interno del negozio che avrebbero ripreso l'acquisto dei preziosi. «Non avrei immaginato che sarebbe finita così, adesso spero che qualcuno intervenga e paghi il debito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati