Claude Gueant 150306145643
PARIGI 6 Marzo Mar 2015 1455 06 marzo 2015

Francia, fermato l'ex ministro dell'Interno Claude Guéant

Gli inquirenti indagano su presunti finanziamenti di Gheddafi a Sarkozy per le presidenziali del 2007.

  • ...

Claude Gueant.

Fermo giudiziario per Claude Guéant, uno dei più stretti collaboratori dell'ex presidente Nicolas Sarkozy e uomo di peso del precedente governo neogollista. A meno di tre settimane dalle elezioni provinciali del 22 e del 29 marzo, l'ex ministro dell'Interno dell'Ump è stato interrogato nel quadro di indagini su presunti finanziamenti dell'ex leader libico Muhammar Gheddafi alla campagna presidenziale che portò Sarkozy all'Eliseo nel 2007.
QUADRI PAGATI TROPPO. In particolare, gli inquirenti stanno interrogando Guéant sulla somma di oltre 500 mila euro versata, nel marzo del 2008, sul suo conto corrente bancario e proveniente dall'estero. Lo stretto consigliere di Sarkozy ha sempre giustificato quella somma evocando la vendita ad un avvocato malese di due quadri del pittore fiammingo del XVII secolo, Andries van Eertvelt. «Non c'entrano niente con la Libia», ha assicurato in passato l'ex ministro. Ma gli inquirenti si chiedono se quell'avvocato non sia servito solo da copertura e se la vendita delle opere d'arte non nasconda in realtà transazioni sospette, visto che i 500 mila euro non corrisponderebbero, secondo esperti del mercato dell'arte, all'effettiva quotazione delle opere.
IL CERTIFICATO MANCANTE. Tanto più che lo stesso Guéant ha parlato di quadri di piccole dimensioni il cui valore non supererebbe i 15 mila euro. Inoltre, per effettuare la vendita all'estero, l'esponente della destra avrebbe dovuto richiedere un certificato del ministero della Cultura, cosa che non ha mai fatto, il che costituisce una frode. È la terza volta che l'ex ministro dell'Interno viene posto in stato di fermo, nell'ambito di diversi dossier giudiziari, ma comunque sempre legati alla sua attività politica.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso