Basilica Pietro Vaticano 150308082657
MISTERO 8 Marzo Mar 2015 2202 08 marzo 2015

Vaticano, giallo sulla lettera di Michelangelo

La missiva è scomparsa nel 1997. Tentativo di estorsione nei confronti della Santa Sede.

  • ...

Città del Vaticano: la facciata della Basilica di San Pietro.

Una lettera firmata dal grande artista Michelangelo, trafugata nel 1997 dall'Archivio della Fabbrica di San Pietro, è stata al centro di un tentativo di estorsione nei confronti del Vaticano, con una richiesta di riscatto. La vicenda è stata anticipata dal quotidiano Il Messaggero, mentre il Corpo della Gendarmeria ha avviato contatti con le competenti autorità italiane per gli eventuali approfondimenti. «Nel 1997 si era constatata la mancanza dall'Archivio della Fabbrica di San Pietro di alcuni documenti, di cui uno di una certa consistenza, una lettera a firma di Michelangelo. E l'archivista allora ne aveva già avvisato il cardinale Virgilio Noè, presidente della Fabbrica. Non risulta che allora ci fosse stato seguito», ha detto il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, in relazione alla vicenda.
RICHIESTA DI PAGAMENTO. «Più recentemente, il cardinale Angelo Comastri - ha spiegato ancora Lombardi, riferendosi all'attuale presidente della Fabbrica di San Pietro, arciprete della basilica e vicario del Papa per la Città del Vaticano - ha avuto una 'proposta' di recupero di questi documenti, però a pagamento. Cosa che lui ha immediatamente rifiutato perché si tratterebbe di refurtiva, di cose rubate, il che darebbe luogo quindi la ricettazione. E non ha dato la minima accoglienza alla richiesta».
DUBBI SULL'IDENTITÀ DELL'ESTORSORE. Si è parlato del fatto che a presentarsi a Comastri per prospettare la consegna dietro pagamento della lettera fosse un giovane ex dipendente vaticano e che la somma richiesta ammontasse a 100 mila euro. Ma sull'identità della persona e sull'ammontare del 'riscatto' da parte della Santa Sede non si hanno conferme, in attesa di risolvere questo mistero.

Correlati

Potresti esserti perso