ARCHEOLOGIA 10 Marzo Mar 2015 0800 10 marzo 2015

Londra, scoperta fossa comune della grande peste

Tremila scheletri sono stati rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione della nuova biglietteria della stazione ferroviaria di Liverpool Street. Foto.

  • ...

Tremila scheletri delle vittime della grande peste del 1665 sono stati scoperti il 10 marzo nel cuore della City di Londra, durante gli scavi per la realizzazione della nuova biglietteria della stazione ferroviaria di Liverpool Street (guarda le foto).
Secondo gli archeologi (almeno 60), si tratta della più importante scoperta relativa al periodo Tudor e il cimitero si trova sopra importanti rovine di epoca romana.

AVANTI COI LAVORI. Il ritrovamento non rallenterà i lavori per la realizzazione dell'opera pubblica: gli archeologi avranno a disposizione solo sei settimane per concludere lo scavo, dopodiché la costruzione riprenderà.
Per questo è previsto che lo scavo proceda giorno e notte.

La grande peste fu un'epidemia diffusasi in Inghilterra che portò alla morte tra le 75 mila e le 100 mila persone (più di un quinto dell'intera popolazione di Londra).
FATALE IL MORSO DEI RATTI. Storicamente si ritiene che la malattia sia stata un'infezione di peste bubbonica provocata dalla diffusione di un bacillo denominato Yersinia pestis trasmesso attraverso la puntura delle pulci dei ratti (Xenopsylla cheopis) o tramite il morso dei ratti stessi o di altri roditori.
Nonostante si sia diffusa in maniera ridotta rispetto alla peste nera che colpì duramente l'Europa tra 1347 e il 1353, fu denominata 'grande' perché fu una delle ultime malattie che ebbero una larga diffusione sul territorio britannico.

Tra le possibili cause si pensa che la grande peste sia arrivata in Inghilterra tramite navi da commercio olandesi che trasportavano cotone da Amsterdam.
GRAVI CONDIZIONI IGIENICHE. Le aree fuori Londra, dove i lavoratori poveri vivevano in condizioni igieniche inesistenti, furono colpite per prime dal diffondersi della malattia. L'inverno 1664-1665 fu piuttosto freddo e la peste fu contenuta con facilità.
Ma con l'arrivo della primavera e dell'estate, l'epidemia cominciò a diffondersi su larga scala e molto rapidamente.
Secondo le fonti ufficiali la prima a morire fu Margaret Porteous, il 12 aprile 1665.

Correlati

Potresti esserti perso