Lega Nord Carroccio 140516191236
MALAFFARE 11 Marzo Mar 2015 1137 11 marzo 2015

Rimborsi facili, indagati 48 leghisti a Reggio Emilia

La procura indaga espomenti del Carroccio per una cifra di 250 mila euro.

  • ...

Bandiere della Lega Nord.

Quarantotto esponenti della Lega Nord sono indagati per appropriazione indebita aggravata dalla Procura di Reggio Emilia, che ha analizzato con la Guardia di Finanza una lunga serie di spese rimborsate a dirigenti e militanti del partito tra il 2009 e il 2012.
Secondo quanto ha riportato La Gazzetta di Reggio, il totale dei rimborsi contestati è di circa 250 mila euro, 54 i capi d'imputazione.
LA SCINTILLA UN ESPOSTO DEL 2012. L'indagine, coordinata dal pm Stefania Pigozzi, è partita dopo un esposto fatto nel 2012 da Mauro Lusetti, poi espulso dalla Lega, anche lui indagato come, tra gli altri, l'ex segretario della Lega Nord Emilia, Angelo Alessandri.
In molti casi si tratterebbe di giustificativi che riportano la descrizione del rimborso ma sono sprovvisti di timbro della Lega o di una qualsiasi intestazione.
LA LEGA: «VICENDA VECCHIA». Le cifre maggiori sono riferite a rimborsi spese a politici locali di spicco del Carroccio: in alcuni casi mancherebbero le pezze giustificative, in altri quanto consegnato a supporto sarebbe riferito a situazioni considerate diverse dagli investigatori rispetto a ciò che era riportato nelle richieste.
Immediata la risposta del partito, che in una nota ha precisato: «È una vicenda vecchia della quale eravamo perfettamente a conoscenza e sulla quale si sta già facendo la necessaria chiarezza. La Lega, infatti, ha verificato tutta la contabilità regionale sia attraverso gli organi locali che con il supporto della sede federale di Milano e non è stata trovata nessuna irregolarità».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso