Bossetti Interrogatorio 140705211030
GIUSTIZIA 13 Marzo Mar 2015 1300 13 marzo 2015

Omicidio Yara, Bossetti resta in carcere

I giudici del riesame hanno respinto la sua richiesta. Il Dna mitocondriale «non è dirimente».

  • ...

Giuseppe Bossetti, accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio, da 20 giorni in cella d'isolamento.

Rimane in carcere Massimo Bossetti, il muratore arrestato per l'omicidio di Yara Gambirasio. Lo hanno deciso i giudici del Riesame di Brescia, respingendo l'istanza di scarcerazione presentata dalla difesa. Un altro no dopo quello arrivato a febbraio dalla Cassazione. Il legale di Bossetti, Claudio Salvagni, aveva chiesto la scarcerazione del muratore sulla scorta di presunte discrepanze tra l'esito degli accertamenti sul Dna mitocondriale, che non riconduceva all'indagato, e l'esito delle analisi sul Dna nucleare che, invece, secondo le consulenze della procura, è certamente di Bossetti.
«IL DNA MITOCONDRIALE NON È DIRIMENTE». La mancata corrispondenza tra il Dna mitocondriale trovato sul corpo di Yara Gambirasio, che non risulta essere di Massimo Bossetti, e quello nucleare, certamente del muratore, «non è dirimente e non scalfisce l'estrema rilevanza e significatività dell'indizio grave», hanno scritto i giudici negando la scarcerazione a Bossetti. Con la decisione di venerdì 13 marzo è la quinta volta che Bossetti si vede negare la scarcerazione: due volte dal gip di Bergamo, altrettante dal Riesame di Brescia e, in un'occasione, dalla corte di Cassazione.

Correlati

Potresti esserti perso