Airbus A320 Copertina 150324155100
INTERVISTA 24 Marzo Mar 2015 1551 24 marzo 2015

Airbus A320, parla un pilota: «Potrebbe trattarsi di avaria del motore»

Filippo Savini sull'incidente del 24 marzo: «Ma è ancora troppo presto per trarre conclusioni».

  • ...

Un aereo della compagnia tedesca Germanwings.

Filippo Savini, pilota di aerei Airbus A320, commentando a caldo l'incidente avvenuto il 24 marzo sul volo di linea della Germanwings precipitato a Sud della Francia, ha spiegato che gli elementi a disposizione fanno pensare che il veivolo potrebbe aver avuto un'avaria e quindi una discesa di emergenza.
Ma tutte le ipotesi restano aperte.
«È ancora molto presto», ha chiarito Savini, «per dare un giudizio che abbia un valore tecnico di rilievo. Dobbiamo attendere l'inchiesta e avere ulteriori dati, che sono ancora limitati solo al tracciato radar: non risulta al momento che il computer di bordo abbia mandato dati telemetrici a terra».
Il pilota Savini guida gli Airbus A320 dal 2008 e, considerata la perfetta sicurezza in cui volano ogni giorno gli aerei, si dice sorpreso di quanto accaduto.
LA DISCESA È STATA RAPIDA. «La discesa rapida è prevista per alcuni tipi di avaria», ha continuato Savini, «come per esempio a seguito di decompressione, esplosiva o no, o in caso di fumo o fuoco a bordo. Sono rarissimi i casi in cui un aereo scende in maniera rapida perché fuori controllo».
Il variometro, che indica il valore di discesa, «indicava un valore elevato, ma non di picchiata eccessiva», ha chiarito il pilota.
PROBABILE AVARIA, NON ESCLUSO DIROTTAMENTO. È l'avaria l'ipotesi più probabile secondo Savini.
Per avere dati certi, però, è necessario aspettare che vengano recuperate le scatole nere, i dispositivi elettronici di registrazione dati.
«Non è da escludere nemmeno l'ipotesi di dirottamento», ha concluso l'aviatore, «anche se in quel caso vengono effettuate determinate manovre e procedure che lasciano intuire a terra che sia in atto un dirottamento. Siamo ancora troppo all'inizio dell'inchiesta per poter trarre conclusioni».

Correlati

Potresti esserti perso