Donna Nigeriana Piange 140506201100
TERRORISMO 24 Marzo Mar 2015 1919 24 marzo 2015

Boko Haram rapisce 400 donne e bimbi

Sequestro di massa a Damasak, città della Nigeria nordoccidentale, liberata dalle truppe di Niger e Ciad.

  • ...

Nigeria: una donna piange sua figlia sequestrata dal gruppo terroristico Boko Haram.

Nuove violenze degli estremisti islamici di Boko Haram in Nigeria.
A quattro giorni dalle elezioni nel Paese africano, i terroristi islamici sono tornati a colpire Damasak, la stessa città liberata a marzo dalle truppe del Niger e del Ciad, e hanno rapito più di 400 tra donne e bambini.
A riferirlo il sito della Reuters che cita persone del posto.
UCCISI BAMBINI. Se confermato, si tratterebbe dell'ennesimo sequestro di massa da parte dei jihadisti.
«Hanno preso 506 giovani donne e bambini (a Damasak). Ne hanno ucciso 50 prima di abbandonare la città», ha raccontato ai media un commerciante del posto, Souleymane Ali.
A metà marzo le truppe del Niger e del Ciad hanno trovato i cadaveri di almeno 70 persone sotto un ponte che porta a Damasak, un luogo probabilmente usato per le esecuzioni di massa.
MOLTI SEQUESTRI IN PASSATO. Non ci sono state conferme ufficiali, ma il gruppo terroristico, che di recente ha proclamato la sua adesione alla linea dell'Isis, non è nuovo a sequestri di massa.
Nell'aprile 2014 funo rapite 300 liceali, un caso che suscitò lo sdegno della comunità internazionale e risvegliò l'attenzione globale sul gruppo terroristico che da sei anni terrorizza il Paese con attentati, saccheggi e uccisioni.
A partire da marzo le forze nigeriane, ciadiane e nigerine hanno condotto una serie di offensive in diverse città, liberandole dai miliziani.
In una di queste operazioni, nel villaggio di Bama, l'esercito nigeriano ha scoperto i corpi di decine di donne massacrate da Boko Haram e gettate nei pozzi insieme ad altri cadaveri.

Correlati

Potresti esserti perso