Lubitz 150328173003
INDAGINI 28 Marzo Mar 2015 1727 28 marzo 2015

A320, Lubitz «aveva problemi alla vista»

Secondo le ultime indiscrezioni il copilota aveva problemi agli occhi. A giugno doveva sottoporsi a una visita. L'ex: «Di notte urlava: "Precipitiamo"». Foto.

  • ...

Il selfie di Andreas Lubitz, pilota Germanwings che ha fatto precipitare il suo volo il 24 marzo 2015.

Andreas Lubitz, il 28enne copilota dell'airbus 320 della Germanwings che si è schiantato volontariamente sulle Alpi francesi uccidendo con sé altre 149 persone, aveva un problema agli occhi. Per questo temeva di perdere il lavoro di pilota. E sempre per questo sarebbe stato in malattia anche il giorno della tragedia. Come confermerebbero i certificati e alcune prescrizioni mediche trovati nel suo appartamento. Non è escluso inoltre che la causa dei problemi alla vista fosse di origine psicosomatica. Lo hanno riferito fonti vicine alle indagini al New York Times.
«GERMANWINGS NON HA RICEVUTO CERTIFICATI». «Germanwings non ha ricevuto alcun certificato di malattia» da parte di Lubitz, ha immediatamente precisato Lufthansa con un tweet. Versione avvalorata dal fatto che gli inquirenti hanno trovato uno dei certificati stracciato e gettato nella spazzatura. Lubitz dunque avrebbe nascosto alla società le sue reali condizioni di salute.
UNA VISITA FISSATA PER GIUGNO. Secondo l'emittente televisiva tedesca N24, inoltre, Lubitz si sarebbe dovuto sottoporre a metà giugno a una verifica delle sue condizioni di salute, per ottenere un prolungamento dell'idoneità al volo.
Secondo quanto riportato dal Welt am Sonntag, durante le perquisizioni nelle abitazioni del copilota, sarebbe stata trovata una grande quantità di medicinali per il trattamento di una «malattia psicosomatica. «Il 27enne è stato curato da diversi neurologi e psichiatri», ha detto un investigatore della polizia di Duesseldorf, specificando che non sono invece state trovate prove di una dipendenza da droghe o alcol.
LE RIVELAZIONI DELLA EX. A ricostruire la vita e la personalità del copilota anche alcune dichiarazioni che una sua ex fidanzata ha rilasciato alla Bild. La ragazza ricorda come Lubitz le avesse confidato di voler compiere un gesto che avrebbe cambiato «completamente il sistema». «Tutti conosceranno il mio nome e se lo ricorderanno», diceva.
«SI ARRABBIAVA PARLANDO DI LAVORO». Di più. Andreas, stando al racconto dell'ex compagna, si arrabbiava spesso parlando di lavoro: «Troppo poco denaro, paura per il contratto, troppa pressione», ha spiegato la ragazza, nota solo come Mary W, di mestiere hostess. Poi ha aggiunto: «Non ho mai saputo cosa volesse dire, ma ora ha senso. Soffriva di incubi: una notte si è svegliato e urlava 'precipitiamo!'. Il suo comportamento mi aveva spaventato. Mi sono separata da lui perché diventava sempre più chiaro che aveva dei problemi. Avevo paura».
RELAZIONE SEGRETA. La loro relazione è durata cinque mesi, durante i quali hanno spesso volato insieme e condiviso stanze d'hotel nascondendo il flirt ai colleghi: «Ci siamo conosciuti nel 2014 su un volo, ci siamo scambiati i numeri di telefono e siamo rimasti in contatto. Di lì le cose sono cresciute, ma non ho mai voluto che diventasse ufficiale. Per questo ci incontravamo in hotel, perché non mi piace mischiare l'amore con il lavoro».
DUBBI SUL MOVENTE. Per Mary W non ci sarebbero dubbi sul movente del gesto. «Lo ha fatto perché si è reso conto che a causa dei suoi problemi di salute il suo grande sogno di lavorare per Lufthansa, di un lavoro come capitano e come pilota di voli a lungo raggio sarebbe stato praticamente impossibile. Se poi si sono aggiunti problemi d’amore, non so».
FIDANZAMENTO IN CRISI. Già, perché Lubitz era fidanzato con Golbach con cui viveva a Zum Hexenkotten vicino a Düsseldorf. Anche se stavano attraversando un periodo di crisi. Lo ha raccontato a Il Giornale Habibalah Hassani, 53 anni, iraniano e titolare di una pizzeria. «Da come guardava la fidanzata sembrava quasi che tutta la sua vita dipendesse da lei. Si sarebbero sposati a breve, almeno così mi avevano detto. Lui le aveva persino regalato un’auto. Però negli ultimi tempi si era rotto qualcosa tra loro. Non era raro vederli litigare».

Correlati

Potresti esserti perso