Israele 150318115251
CONTRASTI 29 Marzo Mar 2015 1300 29 marzo 2015

Netanyahu: «Intesa Iran-Usa supera i nostri timori»

Passi avanti tra i due Paesi sul nucleare. Il premier israeliano va all'attacco: «Accordo pericoloso, va fermato».

  • ...

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu.

Feeling non c'è mai stato. Ma adesso non si esagererebbe parlando di una vera e propria rottura tra Netanyahu e Obama. L'ultimo sgarbo - si ricorderà - è stata la visita e il 'comizio' del presidente israeliano al Congresso statunitense prima delle elezioni in Medio Oriente.
Da una parte, l'amministrazione Obama non apprezza l'approccio aggressivo ed espansionista nei confronti dei palestinesi da parte di Netanyahu; dall'altra, il leader del Likud non vede di buon occhio la riapertura del dialogo tra Stati Uniti e Iran. L'intesa sul nuclare - ha detto - «supera i timori stessi di Israele».
IL FATTORE YEMEN. Lo stesso Netanyahu ha ribadito il concetto in occasione di una seduta di governo a Gerusalemme: «L'asse Iran-Losanna-Yemen è pericoloso per l'umanità e va fermato». Il riferimento è al vertice di Losanna, in Svizzera, probabilmente decisivo per mettere la parola fine a un accordo sul nucleare; e alla situazione in Yemen, dove c'è una guerra civile tra i ribelli houthi, sostenuti da Rohani, e i lealisti. Sullo sfondo il solito contrasto tra il mondo sunnita e quello sciita, tra le mire egemoniche contrapposte di Arabia Saudita e Iran.
LA TELEFONATA IN USA. Netanyahu ha aggiunto di aver espresso per telefono i suoi timori ai rappresentanti democratici e repubblicani del senato Usa, «la profonda preoccupazione di Israele nei confronti dell'accordo che si profila a Losanna». E ha aggiunto: «Gli emissari dell'Iran nello Yemen cercano di conquistare parti estese del paese in un tentativo di assumere il controllo degli stretti di Bab el Mandab. Cosa che cambierà gli equilibri nella navigazione e nelle forniture di petrolio».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso