Benyamin Netanyahu 140409111211
TENSIONE 5 Aprile Apr 2015 1809 05 aprile 2015

Nucleare Iran, Netanyahu: «L'accordo regala miliardi per il terrore»

Israele accusa gli Stati Uniti. Obama: «L'intesa non minaccia Tel Aviv». 

  • ...

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu.

Benjamin Netanyahu non usa mezzi termini per criticare l'accordo con l'Iran sul nucleare che «porta miliardi di dollari nelle casse di Teheran per gonfiare la sua macchina del terrore globale».
«L'accordo minaccia noi e i nostri vicini. Non sto cercando di distruggere l'intesa, sto cercando di distruggere una cattiva intesa», ha detto il premier israeliano rivolgendosi agli americani e al Congresso, che invita ad agire per non lasciare aperta a Teheran la strada verso la bomba.
REPLICA DI OBAMA. Pronta la replica del presidente americano Barack Obama, secondo cui «l'intesa con l'Iran sul nucleare non minaccia la capacità militare difensiva di Israele».
NETANYAHU: «INCUBO PER IL RESTO DEL MONDO». «L'accordo raggiunto», ha affermato Netanyahu in un'intervista alla Nbc, «è un sogno per Teheran e un accordo incubo per il resto del mondo. All'Iran viene lasciata una vasta infrastruttura nucleare e l'intesa non fa altro che portare nuove risorse nelle casse dello Stato per finanziare il terrore».
«Nessuna centrifuga viene distrutta», ha messo in evidenza il premier israeliano, precisando che il rischio è che l'accordo faccia scattare una corsa «alle armi negli Stati sunniti, e una corsa alle armi nucleari in Medio Oriente».
LA SPINTA PER LA DIPLOMAZIA. Netanyahu, chiedendo ulteriori sanzioni invece della loro graduale rimozione, ribadisce di preferire una soluzione diplomatica a una militare. «In una situazione ideale, non dovrebbero esserci Paesi che cercano di annientare lo Stato di Israele e che lo dicono apertamente. Il vero problema in Medio Oriente non è la democrazia di Israele che ha mostrato responsabilità, ma paesi come l'Iran che puntano alle armi nucleari con l'esplicito obiettivo di annientarci, ma anche quello di conquistare il Medio Oriente e minacciarvi», ha aggiunto.
Le parole di Netanyahu sono arrivate mentre il Congresso si appresta a valutare l'accordo, con i repubblicani scettici sull'intesa e i democratici che temono ripercussioni sulla campagna elettorale. Ma l'accordo - secondo la presidente della commissione Intelligence del Senato, Diane Feinstein - «non minaccia la sopravvivenza di Israele».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso