Spari Milano Tribunale 150410155522
CRONACA 10 Aprile Apr 2015 0800 10 aprile 2015

Spari al tribunale di Milano: il video dei soccorsi

Operatori del 118 nei corridoi del Palazzo di Giustizia. Claudio Giardiello è entrato senza tesserino.

  • ...

L'arrivo del personale medico e i primi soccorsi alle persone coinvolte nella sparatoria avvenuta il 9 aprile nel tribunale di Milano.

  • Le immagini girate dall'avvocato Giuseppe Presutto, testimone oculare dopo gli spari (Sky Tg24).

Claudio Giardiello.

In tasca una pistola regolarmente detenuta e due caricatori pieni: 13 colpi calibro 7.65 per compiere una strage.
È di tre morti e due feriti il bilancio della mattina di terrore al Palazzo di Giustizia, dove l'imputato di un processo per bancarotta fraudolenta, l'immobiliarista 57enne Claudio Giardiello ha ucciso il giudice Ferdinando Ciampi, Giorgio Erba (suo coimputato nel processo sul fallimento dell'Immobiliare Magenta di cui Giardiello era socio di maggioranza) e il suo ex avvocato, Lorenzo Alberto Claris Appiani che nel processo era testimone.
NESSUN TESSERINO. Fermato a Vimercate, al momento dell'arresto Claudio Giardiello non aveva con sé alcun tesserino da avvocato.
L'uomo è entrato dal lato di via Manara: riprese video, già acquisite dagli inquirenti ma che devono ancora essere vagliate, lo confermerebbero.
Del tesserino, però, nessuna traccia: sia durante la perquisizione personale sia durante quella dello scooter i carabinieri non ne hanno trovato traccia.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso