CERIMONIA 15 Aprile Apr 2015 1512 15 aprile 2015

Strage di Milano, i funerali di Stato

In Duomo le esequie dell'avvocato Loris Appiani e del giudice Ferdinando Ciampi. Presente Mattarella. Foto.

  • ...

Si sono conclusi nel Duomo di Milano i funerali di Stato di due delle tre vittime della sparatoria avvenuta in tribunale, l'avvocato Lorenzo Claris Appiani e il giudice Fernando Ciampi, freddati dal killer Claudio Giardiello (guarda le foto).
Le esequie della terza vittima, Giorgio Erba, si sono tenute invece in forma privata nel Duomo di Monza, su decisione della famiglia.
PRESENTE MATTARELLA. Presente il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: ad accoglierlo all'ingresso laterale del Duomo il sindaco Giuliano Pisapia, il presidente della Regione Roberto Maroni, il prefetto Francesco Paolo Tronca. Hanno aspettato il presidente anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando e la presidente della Camera Laura Boldrini.
ESPONENTI DI FI E PD. Ai funerali sono presenti fra gli altri anche il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini, l'ex procuratore Francesco Saverio Borrelli, Umberto Ambrosoli, le parlamentari di Forza italia Maria Stella Gelmini accompagnata dall'ex sottosegretario Giacomo Caliendo, Daniela Santanchè e Laura Ravetto, i parlamentari del Pd Ivan Scalfarotto ed Emanuele Fiano e l'ad del Milan Adriano Galliani.
TOGHE SULLE BARE. Sulle bare dell'avvocato Appiani e del giudice Ciampi sono state appoggiate le loro toghe, quelle che indossavano durante la loro attività nelle aule di giustizia. Le due bare sono adagiate davanti all'altare affiancate dai carabinieri in alta uniforme.
SCOLA: «GIUSTA PENA ESPIATORIA PER GIARDIELLO». Il cardinale Angelo Scola ha voluto anche ricordare «lo sciagurato pluriomicida» Claudio Giardiello nella sua omelia in Duomo: «Le vittime innocenti di questo sciagurato pluriomicida», ha osservato, «ci chiedono almeno di pregare perché Claudio Giardiello, attraverso la giusta pena espiatoria, prenda consapevolezza del terribile male che ha compiuto fino a chiederne perdono a Dio e agli uomini che ha così brutalmente colpito». L'omicidio del giudice Fernando Ciampi, dell'avvocato Lorenzo Claris Appiani e di Giorgio Erba «ci appare come una tremenda espressione di un male inaccettabile», ha detto Scola. «Il nostro cuore è ancora colmo di angoscia», ha proseguito, «per l'orrore di tre brutali omicidi e di due ferimenti».

PISAPIA: «UNITI CONTRO OGNI VIOLENZA». «Bisogna andare avanti uniti contro qualsiasi tipo di violenza», ha detto il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, dopo aver partecipato ai funerali. Secondo Pisapia serve «uno scatto d'orgoglio per superare il momento di dolore». Come sindaco, ha aggiunto, «dico che non si possono fare polemiche in questo momento».

Correlati

Potresti esserti perso