IRAQ 17 Aprile Apr 2015 1757 17 aprile 2015

Isis, tombe cristiane distrutte a Mosul

I jihadisti hanno fotografato e ripreso in video lo scempio messo in atto in un cimitero della città. Foto.

  • ...

I jihadisti del gruppo Stato islamico hanno distrutto alcune tombe cristiane in un cimitero della città di Mosul, nel Nord dell'Iraq.
I miliziani hanno diffuso via internet fotografie e video dello scempio compiuto.

Mosul (Iraq): una tomba cristiana rovinata dai miliziani dell'Isis.
(17 aprile 2015)

Le immagini, come riportato dal Daily Mail, sono state pubblicate su alcuni social media, tra questi anche il forum jihadista Shamoukh Al-Islam. Il titolo scelto è stato: Leveling Graves And Erasing Pagan Symbols.
Il gruppo Stato islamico ha rilasciato una dichiarazione, in cui ha giustificato la profanazione compiuta affermando che le tombe e le relative lapidi, elevandosi al di sopra del livello del terreno, suggerivano il fatto che il defunto fosse più vicino ad Allah rispetto ai viventi: un presunto significato 'pagano', da cancellare radicalmente.
«VOGLIONO DIMOSTRARE LA LORO POTENZA». «Agendo in questo modo e soprattutto postando sul web le loro azioni i jihadisti vogliono dimostrare quanto siano potenti», ha affermato a FoxNews Steven Stalinsky, direttore dell'Istituto di ricerca del Medio Oriente. «Il segnale che stanno inviando al mondo occidentale è chiaro: nessuno li può fermare». Si tratta di una vera e propria campagna dell'orrore che costringe i cristiani che vivono nelle zone sotto il controllo dei miliziani a scegliere tra l'esilio, la conversione alla folle ideologia jihadista e la morte.
A metà marzo la scure dei seguaci del Califfo aveva colpito una chiesa nella regione irachena di Ninive. La croce era stata rimossa dalla cupola, al suo posto l'ormai tristemente nota bandiera nera.

Correlati

Potresti esserti perso