TERRORE 18 Aprile Apr 2015 0800 18 aprile 2015

Afghanistan, due attentati a Jalalabad: ci sono morti

Duplice esplosione: la prima contro una moschea, la seconda davanti a una banca. Almeno 35 vittime e 100 feriti. Foto.

  • ...

Ancora una strage a Jalalabad in Afghanistan. Un doppio attentato ha ucciso il 18 aprile 35 persone e almeno 100 sono rimaste ferite (guarda le foto).
La prima bomba è esplosa davanti a una moschea.
La seconda ha fatto saltare in aria l'agenzia locale della Kabul Bank.
Secondo il capo della polizia locale, Fazal Ahmad Sherzad, il colpevole sarebbe un kamikaze.
LA MANO DELL'ISIS. L'attentato suicida è stato rivendicato da un comunicato attribuito allo Stato islamico (Isis) in cui si dice che il kamikaze, di nome Abu Mohammad, «è uno dei nostri».
Le autorità afghane cercano una conferma dell'autenticità della rivendicazione. Se la rivendicazione fosse autentica sarebbe la prima fatta dall'Isis in Afghanistan dalla sua nascita.
Il comunicato è accompagnato da una foto in cui si vede un giovane guerrigliero con il volto coperto seduto su tappeti, con un kalashnikov appoggiato al muro sopra una bandiera nera. La scritta sul drappo nero recita: «Non c'è altro Dio al di fuori di Allah. E Maometto è il profeta di Allah». Le uniche parole leggibili sul copricapo sono: »Il Califfo è dentro di noi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso