Polizia 141103123016
CRIMINALITÀ 20 Aprile Apr 2015 0705 20 aprile 2015

Immigrazione clandestina: sgominata rete di trafficanti

L'organizzazione criminale si occupava della permanenza in Italia dei profughi.

  • ...

Un'auto della polizia.

Sgominata in Italia un'organizzazione criminale transnazionale accusata di associazione a delinquere e favoreggiamento di immigrazione e permanenza clandestina.
A portare a termine l'operazione, coordinata dalla Dda di Palermo, è stata la polizia che ha fermato i componenti della banda: eritrei, etiopi,ivoriani e ghanesi avrebbero favorito con enormi guadagni l'immigrazione illegale di migliaia di connazionali.
RESPONSABILI DI STRAGI. Tra le persone coinvolte nell'indagine anche due personaggi noti agli inquirenti: Ermias Ghermay, etiope, e Medhane Yehdego Redae, eritreo, ritenuti tra i più importanti trafficanti di migranti che operano sulla cosiddetta 'rotta libica'.
Ghermay, che vive e opera a Tripoli e Zuwarah, è latitante dal luglio del 2014, quando nei suoi confronti fu emesso un provvedimento cautelare, esteso anche in campo internazionale, dopo il naufragio avvenuto il 3 ottobre 2013 davanti alle coste di Lampedusa, in cui persero la vita almeno 366 migranti. Del tragico viaggio l'etiope è ritenuto organizzatore e responsabile.
AIUTO IN CAMBIO DI SOLDI. L'inchiesta, coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Maurizio Scalia, ha portato a scoprire anche una cellula della stessa organizzazione criminale, complementare a quella che agisce in Africa, composta da eritrei che vivono in Italia, in particolare nelle province di Palermo, Agrigento, Catania e Milano.
Questa parte dell'organizzazione, in cambio di altro denaro, gestisce le fughe dei migranti dai centri di accoglienza, dà loro il supporto logistico per restare clandestinamente in Italia e ne agevola il successivo espatrio, sempre illegalmente, verso altri Paesi dell'Ue come Norvegia, Germania e Svezia.
L'indagine ha svelato, inoltre, transazioni di denaro, prevalentemente movimentato tramite canali illegali, per centinaia di migliaia di euro.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso