Milano Spari Tribunale 150410113012
CRONACA 21 Aprile Apr 2015 1214 21 aprile 2015

Tribunale di Milano, riaperta l'aula della strage

Riprende la normale attività dopo 12 giorni. Minuto di silenzio prima delle udienze e fiori davanti alle porte. 

  • ...

Milano: l'aula del tribunale dove l'imprenditore Claudio Giardiello ha sparato chiuso al pubblico (10 aprile 2015).

È stata riaperta la mattina del 21 aprile, poco prima delle 9.30, l'aula della seconda sezione penale del tribunale di Milano dove il 9 aprile Claudio Giardiello ha compiuto uno strage uccidendo l'avvocato Lorenzo Claris Appiani e il coimputato Giorgio Erba, prima di andare ad ammazzare anche il giudice Fernando Ciampi nel suo ufficio. Nell'aula del terzo piano ci sono gli stessi giudici (il collegio presieduto da Teresa Ferrari da Passano) che erano presenti quella mattina e che si rifugiarono in camera di consiglio mentre Giardiello sparava ferendo anche suo nipote, Davide Limongelli.
MINUTO DI SILENZIO PRIMA DELLE UDIENZE. In piedi davanti ai loro banchi, magistrati, avvocati, cancellieri e imputati, hanno osservato un minuto di silenzio carico di commozione per ricordare le tre vittime prima che iniziasse una delle udienze in calendario.
Nel tribunale milanese si cerca dunque di tornare alla normalità (continua, però, il rafforzamento delle misure di sicurezza) e anche nell'aula della tragedia è ripresa l'attività di udienza con il pm Fabio De Pasquale a rappresentare l'accusa e con tre processi in calendario per la giornata, tra cui uno per rapina.
SI PROVANO DOLORE E PAURA. Imputati e avvocati siedono sui banchi e il lavoro d'aula procede con la presenza dei cancellieri, come accade normalmente, anche se ovviamente, come viene spiegato da chi entra nell'aula, «non si può non pensare a quanto è accaduto qua dentro e non si può non provare un po' di paura e allo stesso tempo dolore, perché qua sono morte delle persone».
Davanti alle porte di accesso all'aula, ci sono ancora mazzi di fiori posati per manifestare cordoglio per le vittime della strage.

Correlati

Potresti esserti perso