Selvaggia Lucarelli 141118170536
POLEMICA 23 Aprile Apr 2015 1823 23 aprile 2015

Selvaggia Lucarelli contro Grasselli: «Zitta puttana non è un'opinione»

La giornalista, insultata su Facebook dal politico leghista per un post sull'immigrazione, lo costringe a scusarsi.

  • ...

Selvaggia Lucarelli.

Dopo gli attacchi subiti da Gianni Morandi per il suo post su Facebook, il naufragio dei migranti nel Mar Mediterraneo continua a produrre polemiche collaterali sui social network.
Protagonista la giornalista Selvaggia Lucarelli, che, dopo avere pubblicato su Facebook la foto di una bambina immigrata annegata con il commento: «Lascio a voi decidere se era una cellula Isis, l'ennesima delinquente o colei che veniva a rubarci il lavoro. Magari Salvini lo sa», è stata pesantemente criticata.
L'INSULTO SUL SOCIAL NETWORK. Tra i commenti più grevi quello di Giuseppe Grasselli, candidato sindaco della Lega Nord a Canossa, in provincia di Reggio Emilia. Sulla pagina Facebook del gruppo «Sei della Lega Nord se...», il politico si è rivolto a Selvaggia Lucarelli scrivendo: «Zitta puttana».


LA TELEFONATA A SORPRESA. La giornalista ha reagito, chiamando a sorpresa l'esponente del Carroccio nel corso della sua trasmissione radiofonica su M2o. E lo ha costretto a fare retromarcia. Tenuta inizialmente nascosta la propria identità, Lucarelli prima ha chiesto al candidato sindaco un commento sugli insulti toccati a Gianni Morandi. «L'offesa a livello personale e familiare», è stata la risposta dell'uomo, «non sta mai bene. Mi dissocio sicuramente».
Subito dopo si è presentata e ha chiesto conto dell'epiteto a lei rivolto. «Posso esprimere una mia opinione, so anch'io che non sta bene», ha cercato di giustificarsi il leghista. Al che la giornalista ha attaccato: «'Zitta puttana' è un'opinione?».
LE SCUSE DI GRASSELLI. Grasselli, tentando nuovamente di spiegarsi, ha aggiunto allora: «Sono però dell'idea che certi personaggi pubblici di una certa fama...». Ma è stato stoppato subito: «Se ho una certa fama mi devo beccare 'zitta puttana' da uno che aspira a fare il sindaco della sua città?».
A conclusione della lunga discussione, Grasselli si è scusato: «Faccio le scuse, non è corretto, probabilmente è stato scritto in un momento mio di rabbia. Di casini ne ho già avuti abbastanza». «Se ne aggiunge uno oggi», ha concluso la giornalista.

Correlati

Potresti esserti perso