Pizzolato 140205180022
GIUSTIZIA 24 Aprile Apr 2015 1541 24 aprile 2015

Pizzolato, l'Italia concede l'estradizione

L'ex banchiere italo-brasiliano era stato condannato a 12 anni e sette mesi di carcere in Brasile.

  • ...

Henrique Pizzolato

L'ex banchiere italo-brasiliano Henrique Pizzolato - condannato a 12 anni e sette mesi di carcere, in Brasile, nell'ambito dell'inchiesta 'Mensalao' - sarà estradato dall'Italia. Ad anticipare la notizia sono stati i media brasiliani, citando fonti diplomatiche e di governo locali.
Di lì a poco, il governo italiano, attraverso il ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha concesso l'estradizione dell'ex direttore del Banco do Brasi. La decisione è arrivata dopo l'ok della Cassazione.
NO AL RICORSO. Secondo i media brasiliani, il sì all'estradizione è definitivo e non esiste più la possibilità di fare ricorso. La comunicazione ufficiale della decisione da parte del governo italiano a quello brasiliano avverrà in queste ore attraverso le rispettive rappresentanze diplomatiche. A quel punto il Paese sudamericano avrà 20 giorni di tempo per avviare la procedura di trasferimento: una squadra della polizia federale sarà appositamente inviata a Roma per accompagnare il viaggio di ritorno di Pizzolato in Brasile.
CORRUZIONE E RICICLAGGIO. Pizzolato, ex direttore del Banco do Brasil, in Brasile ha ricevuto una condanna definitiva per corruzione, riciclaggio di denaro e peculato nell'ambito del processo sul cosiddetto 'Mensalao', la tangentopoli verdeoro che ha travolto numerosi esponenti di primo piano del Partito dei lavoratori (Pt, di sinistra) durante il governo dell'ex presidente della Repubblica, Luiz Inacio Lula da Silva (2003-2010). Per sfuggire al carcere, nel novembre 2013 l'ex manager, che ha la doppia cittadinanza, era fuggito in Italia, dove è stato poi arrestato nel febbraio dell'anno scorso a Maranello (Modena). Lo scorso ottobre la Corte d'Appello di Bologna aveva detto no all'estradizione e Pizzolato era stato rimesso in libertà. Ma il Brasile aveva fatto ricorso, la Cassazione ha annullato senza rinvio e il banchiere è tornato in carcere.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso