Erri Luca 150322161337
POLEMICA 24 Aprile Apr 2015 1140 24 aprile 2015

Tav, gli operai del cantiere attaccano Erri De Luca

I lavoratori della Torino-Lione hanno scritto all'intellettuale: «Si è ben guardato dal venire in cantiere».

  • ...

Lo scrittore Erri De Luca.

«Siamo uomini e donne che si guadagnano il pane sudando e non siamo raffinati intellettuali: per noi il verbo nobile è lavorare e quello ignobile è sabotare». È un passaggio della lettera, anticipata da Repubblica, che gli operai della Torino-Lione hanno scritto a Erri De Luca. Lo scrittore, che nei mesi scorsi ha invitato a sabotare l'opera, è stato anche invitato in Valsusa dai dipendenti che lavorano al cantiere di Chiomonte.
«NON HA PARLATO CON NOI SABOTATI». «Qualche intellettuale ha inneggiato al sabotaggio dell'opera in nome della libertà di espressione - si legge nel testo, firmato da circa 150 operai - ma non ha parlato con noi sabotati, non si è curato delle nostre espressioni e si è ben guardato dal venire in cantiere. Eppure siamo noi quelli che hanno vissuto gli assalti con cesoie, sassi, molotov e bombe carta, con un nostro collega ferito e un militare invalido per tutta la vita».
«Noi sappiamo com'è il cantiere, come si lavora rispettando le regole, la salute e l'ambiente - sottolinea ancora la lettera degli operai - e ringraziamo la società di averci difeso».

Correlati

Potresti esserti perso