Torre Nepal 150425152136
BENI CULTURALI 25 Aprile Apr 2015 1454 25 aprile 2015

Terremoto Nepal, crollata anche la storica torre Dharahara

Patrimonio dell'Unesco, era diventata il simbolo di Katmandu. Puglisi: «Un pezzo di cultura irripetibile».

  • ...

La torre Dharahara, uno dei monumenti più importanti di Kathmandu, patrimonio Unesco, è crollata per il sisma devastante che ha colpito il Nepal.
I soccorritori che hanno scavato fra le macerie della torre hanno recuperato i cadaveri di 180 persone. È quanto sostiene la tivù all news indiana Times Now. Il monumento, conosciuto anche come Bhimsen Tower, era di nove piani ed era alto quasi 62 metri.
«UN PEZZO DI CULTURA IRRIPETIBILE». «Sono esterrefatto e angosciato per quello che è successo in Nepal e a Katmandu in particolare. Viene meno un pezzo di cultura eccezionale e irripetibile», ha dichiarato il presidente della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco, Giovanni Puglisi. «Il Nepal, e Katmandu in particolare sono l'epicentro di un crocevia che tiene insieme tutta la tradizione religiosa buddista e una parte della tradizione religiosa tibetana che fa capo al Dalai Lama, i cui seguaci sono riusciti a fuggire dal Tibet sotto l'influenza cinese rifugiandosi appunto in Nepal. La zona che è crollata, e che è patrimonio dell'Unesco, è in sostanza quello che possiamo definire centro storico di Katmandu, un crogiolo di templi e palazzi, compresa la Torre Dharahara. Una torre un po' sfortunata», ha evidenziato Puglisi.
ANCHE LA PRIMA TORRE CROLLATA PER UN SISMA. «La prima torre, infatti, costruita nell'800, si ergeva per 11 piani ed è crollata dopo neanche un secolo a causa di un terremoto. Poi è stata ricostruita ed ora, con questo terremoto così forte, la seconda, fatta di 9 piani, ha fatto la stessa fine». Il problema, ha spiegato, è «anche il manufatto che è un po' particolare. Non si tratta infatti di torri costruite in cemento armato, ma con polvere di marmo e lime. Insomma, materiali molto poveri che quando arriva un terremoto di una simile portata non reggono l'impatto».
ERA IL SIMBOLO DI KATMANDU. «Questa», ha detto ancora il presidente, «era una torre punto di attrazione per turisti, aveva una forma di minareto, era diventata il simbolo di Katmandu. È come da noi crollasse la Torre di Pisa o il Colosseo. Una volta l'hanno ricostruita, ma ora non so come si metteranno le cose perché i danni sono enormi e credo siano danneggiati i templi e anche il palazzo Reale, ma ora è troppo presto per capire la portata generale del disastro», ha concluso Puglisi.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso