Stupro 130411190436
CRONACA 26 Aprile Apr 2015 1230 26 aprile 2015

Milano, violentata in casa dal fattorino che consegna le pizze

Una 41enne stuprata nella sua abitazione il 22 aprile: è caccia all'uomo, un 30enne egiziano. Salvini: «Serve la castrazione chimica».

  • ...

Una ragazza vittima di violenze.

Aveva ordinato la pizza con consegna a domicilio, in un locale che conosceva a cinquanta metri da casa nel quartiere Lambrate a Milano.
Ma la sera del 22 aprile, a consegnare la cena a una 41enne single, non è stato il solito fattorino ma un egiziano sui 30 anni che ha violentato la donna.
Pronte le reazioni politiche dopo il caso. Matteo Salvini della Lega è stato durissimo: «Serve la castrazione chimica».
CACCIA AL VIOLENTATORE. Dopo la denuncia è caccia all'uomo ma nemmeno il proprietario della pizzeria, ha riportato il Corriere.it, sa il suo nome.
L'uomo ha spiegato di non chiedere a chi lavora per lui come si chiama, gli basta che chi si fa avanti inforchi il motorino e consegni la pizza in mezza Milano.
«SEI SOLA IN CASA?». Agli psicologi e ai medici del Centro antiviolenza della clinica Mangiagalli, che l'hanno visitata dopo lo stupro, la donna ha raccontato di aver risposto al citofono e, come sempre, di aver chiesto al fattorino di salire al terzo piano.
Quando ha aperto la porta, l'uomo le ha fatto solo una domanda: «Sei sola in casa?». «Questa sera siamo io e il gatto» ha risposto lei.
A quel punto l'egiziano ha appoggiato il cartone della pizza su un tavolino e ha richiuso la porta alle sue spalle.
La 41enne non ha avuto il tempo di urlare: lui si è gettato sopra di lei, strappandole i vestiti e violentandola. Poi la fuga, dopo aver rubato 40 euro dal portafoglio dela giovane.

Correlati

Potresti esserti perso