Isis Roma 150427203548
MINACCIA 27 Aprile Apr 2015 2026 27 aprile 2015

Isis, foto di messaggi a Roma e Milano: «Siamo tra voi»

Circolano su account Twitter di sostenitori dello Stato islamico. «Siamo nelle vostre strade in attesa dell'ora X». Colosseo e Duomo nelle immagini.

  • ...

Nuove minacce all'Italia da parte del terrorismo islamico.
«Siamo nelle vostre strade. Stiamo localizzando gli obiettivi, in attesa dell'ora X». Questi i messaggi firmati Isis, scritti a penna su foglietti e fotografati con lo sfondo di riconoscibili luoghi italiani, tra Roma e Milano. Le foto, ha riferito la direttrice del Site Rita Katz, circolano su account Twitter di sostenitori dell'Isis.
DAL COLOSSEO AL DUOMO DI MILANO. I messaggi sono scritti in italiano, arabo e francese. Le 'cartoline' su cui sono scritti vengono tenuti in mano, probabilmente dalla stessa persona che scatta la foto, con dietro diversi scenari: dal Colosseo al Duomo di Milano, da camionette della polizia di Stato ad auto della polizia locale, da stazioni ferroviarie, al logo dell'Expo.
Immortalati anche mezzi della polizia di Stato e della Polizia locale, sempre del capoluogo lombardo, fermate della metropolitana, tratti autostradali (la Milano-Venezia, uscite di Dalmine e Trezzano sull'Adda)
Al vaglio dell'antiterrorismo in particolare un account di un tunisino fanatico del Califfato.
I SERVIZI: «JIHAD DELLA PAROLA». A frenare il panico ci hanno provato i servizi segreti, che commentando le foto hanno assicurato che la vigilanza è sempre alta, ma «al momento non ci sono elementi di allarme nuovi. Si tratta di pura propaganda mediatica, jihad della parola».
FIRMA AL-MUKTAR. In un caso, sotto alla scritta Islamic State in Rome, appare anche la 'firma': Omar Moktar: è questo il nome di un leader di al-Qaeda, ma Omar al-Muktar è pure il 'Leone del Deserto', il famoso eroe nazionale libico che condusse negli Anni 20 la guerriglia anticoloniale contro gli italiani.
Molti si ricordano quando Muammar Gheddafi, nel giugno 2009, arrivò in Italia mettendo in bella mostra sulla sua divisa proprio la foto di Al-Muktar, simbolo della resistenza libica impiccato dagli invasori italiani.

Correlati

Potresti esserti perso