Santis 141007185749
CRONACA 28 Aprile Apr 2015 1610 28 aprile 2015

Roma, l'ultrà De Santis rinviato a giudizio

Il tifoso romanista è accusato dell'omicidio del giovane Ciro Esposito.

  • ...

Daniele De Santis in una foto del suo profilo Facebook.

L'ex ultrà romanista Daniele de Santis è stato rinviato a giudizio per l'omicidio di Ciro Esposito, ferito poco prima della finale di coppa Italia Fiorentina-Napoli il 3 maggio del 2014 morto dopo 53 giorni di agonia.
Il processo al via l'8 luglio.
ACCUSATO DI OMICIDIO VOLONTARIO. A disporre il processo, su richiesta dei pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio, è stato il gup Maria Paola Tomaselli.
De Santis dovrà rispondere di omicidio volontario, lesioni e porto abusivo d'arma.
Sotto processo è finito, per rissa, anche un napoletano, Gennaro Fioretti, il quale faceva parte del gruppo che, con Ciro Esposito, si avventò contro 'Gastone' dopo l'assalto ad un pullman di tifosi.
La posizione di un altro napoletano Alfonso Esposito, è stata stralciata per un difetto di notifica.
ACCOLTO DA CORI DI AMICI. L'ultrà giallorosso è arrivato in aula su una lettiga per le precarie condizioni di salute: ha un tutore alla gamba destra, ferita dagli ultras partenopei il giorno degli scontri.
Al suo arrivo, al primo piano della palazzina A del tribunale di Roma, 'Gastone' è stato accolto dall'incoraggiamento e dalle urla «Forza Daniele» di una decina di suoi amici e parenti.
Di fronte a lui anche Antonella Leardi, mamma di Ciro, che non ha nascosto «il dolore» per dovere guardare negli occhi l'uomo che ha ferito a morte il figlio.
MAMMA CIRO «SODDISFATTA». In merito alla decisione del gup la mamma di Ciro si è detta «soddisfatta» e ha annunciato che seguirà tutto il processo «perché lo deve al figlio».
Al processo si arriva dopo una intensa fase istruttoria culminata con una perizia del Racis e l'incidente probatorio. Tasselli di un puzzle complesso che lentamente si è andato componendo.
FECE FUOCO DOPO LA FERITA. Secondo quanto ricostruito nella maxiperizia dei carabinieri De Santis fece fuoco in direzione dei tifosi del Napoli dopo che era stato ferito, forse raggiunto da alcune coltellate all'addome, «sopraffatto dagli aggressori», hanno scritto i periti.
I fatti avvengono intorno alle 18,nella zona del viale di Tor di Quinto.
L'azione parte con De Santis che inveisce verso alcuni pullman di tifosi napoletani lanciando, come affermano testimoni, petardi e fumogeni.
Un «blitz» alla quale ha corrisposto l'immediata reazione da parte di un cospicuo gruppo di supporter azzurri.
De Santis di fatto si è dato alla fuga e imbocca il vialetto che porta al Ciak Village, luogo dove 'Gastone' viveva ma lì viene bloccato a terra prima di sparare.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso