Donna Nigeriana Piange 140506201100
OPERAZIONE 2 Maggio Mag 2015 1437 02 maggio 2015

Nigeria, liberate 234 donne ostaggio di Boko Haram

Intervento dell'esercito nella foresta di Sambisa, roccaforte dei terroristi nel Nord-est del Paese.

  • ...

Nigeria: un terrorista di Boko Haram.

L'esercito della Nigeria segna un altro passo avanti nella guerra contro gli estremisti di Boko Haram.
Sono state infatti liberate altre 234 fra donne e ragazze dalla foresta di Sambisa, roccaforte dei terroristi nel Nord-est del Paese. Il numero complessivo di donne dichiarate liberate nel corso di questa settimana sale così a più di 677.
IN CAMPO LE TRUPPE DI TERRA. La liberazione è arrivata non appena le forze armate nigeriane hanno dispiegato le truppe di terra dopo raid aerei negli accampamenti della foresta di Sambisa che si crede sia l'ultimo avamposto degli estremisti islamici. Secondo qualche racconto, alcune donne avrebbero contrastato le truppe dell'esercito, con i militanti di Boko Haram che le avrebbero usate come scudo umano armato. Non è noto quante ragazze, donne, ragazzi e uomini Boko Haram abbia rapito nella sua rivolta che dura da sei anni.
AVAMPOSTO NELLA FORESTA. «Un altro gruppo di 234 donne e bambini è stato liberato tra le estremità di Kawuri e Konduga della foresta di Sambisa giovedì», recita un messaggio sull'account ufficiale Twitter del quartiere generale della Difesa nigeriana. Il presidente Goodluck Jonathan, il cui mandato scade questo mese, ha detto che la foresta è l'ultimo presidio dei militanti islamici e si impegna a «consegnare una Nigeria completamente libera da roccaforti terroristiche». L'esercito ha inoltre comunicato che sta vagliando le ragazze e le donne liberate per capire da quali villaggi provengano.
SPARI CONTRO I SOCCORRITORI. Alcune donne che i soldati stavano cercando di liberare hanno persino sparato contro i loro soccorritori, secondo quanto riferito da un portavoce militare, e ciò farebbe intendere che alcune di loro potrebbero ormai idendificarsi con Boko Haram, dopo mesi di prigionia e matrimoni forzati. Non è chiaro se alcune delle donne si siano unite volontariamente a Boko Haram, o se siano componenti di famiglie o combattenti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso